NOVOLI (Lecce) – Domenica 14 gennaio, con inizio alle ore 19.30, si terrà presso il Teatro Comunale di Novoli, lo spettacolo “Fuoco. Fiamme. Paradiso”. L’evento rientra nella vasta programmazione ideata  per la Fòcara 2018, in occasione dei festeggiamenti di Sant’ Antonio Abate.

Lo spettacolo, a cura della scuola di Danza “Tra sogno e realtà”, nasce con l’intenzione non solo di rendere omaggio al santo patrono di Novoli, ma anche di far conoscere la sua vita, i suoi sacrifici e anche le tante leggende riguardanti la sua esistenza che si tramandano da decenni di generazione in  generazione. La messa in scena si apre con una riflessione su quanto il mondo si sia “disumanizzato”, con la società che si ritrova ad affrontare una realtà molto lontana da quella vissuta dal santo, ma che nasconde le stesse insidie e tentazioni.

Al centro di tutto  c’è l’uomo di oggi, isolato dal cosmo perché ha perso il suo legame con la natura. Da qui l’idea della direttrice artistica Bianca Milli di creare una coreografia che possa sottolineare il legame con il territorio, servendosi di uno dei simboli più contraddistintivi del Salento: l’albero d’ulivo.

Sant’Antonio, magistralmente interpretato da Mario Seclì, con parole semplici e tono ironico, trasporterà il pubblico in un viaggio nel tempo, per far conoscere il suo passato, le tentazioni a cui è stato sottoposto dal diavolo ed alle quali è riuscito a resistere grazie alla fede ed alla forza d’animo. Il suo racconto sarà arricchito da filmati, interviste, immagini, per suscitare l’interesse dello spettatore di qualunque età. A completare il tutto, le coreografie create in stile modern-jazz e contemporaneo eseguite dagli allievi dei corsi 5°, intermedio ed avanzato. Lo spettacolo, infine, si concluderà con un grande omaggio alla Fòcara, ai suoi costruttori a tutta la comunità novolese.

 

 

CONDIVIDI