20151213040007NARDÒ – «Nei nostri cuori un piccolo angelo» – è la frase che posta su Facebook Caterina Vitiello, la stessa sera della tragedia. Poche parole e tanto dolore da parte degli amici, degli attivisti, ma anche degli avversari politici. Cristian Casili, in queste ore, è a fianco alla moglie: il ribaltamento di un tir gli ha portato via tre persone care, la piccola Viola e i nonni. Una tragedia di quelle che non ti immagini. È il tempo del lutto e del dolore. A Nardò è stato proclamato il lutto cittadino e cominciano ad arrivare i primi comunicati di cordoglio. Antonella Laricchia abbraccia idealmente il suo amico e collega. Gli attivisti di Lecce sono sotto shock. Non ci sono parole. Chi conosceva questa bellissima famiglia non riesce a farsene una ragione. Viola era un vero angelo sceso in terra, gli amici la descrivono come una bambina ricca di bellezza e intelligenza. Nessuno può mai arrivare a sentire l’insostenibilità del dolore di un padre e di una madre di fronte a una tragedia simile. Tutto il Salento è col fiato sospeso, mentre attende notizie e spera che Marta Muscatello, moglie del consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, possa riprendersi e insieme a suo marito possano superare la prova più dura e difficile della loro vita.

«Il presidente del Consiglio regionale Mario Loizzo esprime il più commosso cordoglio al collega Cristian Casili, a titolo personale e a nome dell’intera Assemblea, per la scomparsa della piccola Viola e dei suoceri, nel tragico incidente di questo pomeriggio sulla statale 379. Nel sinistro è rimasta ferita anche la moglie del  consigliere regionale. Tutti proviamo una sofferenza profonda e avvertiamo il dolore di Cristian. In queste occasioni non ci sono parole. Siamo in silenzio accanto a lui e alla giovane mamma». Il gruppo dei Conservatori e Riformisti si associa al dolore ed esprime sincera solidarietà. Anche il sindacato di Polizia giudiziaria Osapp si affretta a esprimere il cordoglio.
A Lecce, Carmen Tessitore, assessore alle Pari opportunità del Comune di Lecce si dice addolorata e abbraccia idealmente Casili. C’è il parlamentare Roberto Marti che solidarizza con la famiglia. Gaetano Messuti, anche lui padre, dice di sentirsi vicino a Cristian Casilli, «che oggi si trova a vivere la prova più  difficile e peggiore che la vita potesse imporgli». «Da padre vivo i suoi tormenti e con rispetto lascio perdere le parole dedicandogli  le mie preghiere» – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici. Continueranno ad arrivare centinaia di mail di cordoglio di istituzioni e politici. Non poteva mancare l’intervento del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano: «La perdita di cinque vite, tra le quali un giovane di 21 anni e una bambina di appena 5 anni, ci lasciano in una tristezza infinita che ha bisogno di silenzio e riflessione». Nella notte arrivano le condoglianze di Forza Italia. Interviene Paolo Pagliaro: «Solo dolore,cordoglio e vicinanza ai familiari delle vittime. Da padre posso solo compenetrami nello strazio del consigliere regionale Cristian Casili al quale porgo le più sentite condoglianze». Il giorno dopo sono arrivate le condoglianze di Udc e Pd, partiti che esprimono solidarietà e vicinanza alla famiglia.  Cristian Casili è uno straordinario professionista dotato di intelligenza, carattere e umanità: speriamo tutti che possa trovare la forza per andare avanti. Ora, però c’è solo incredulità, impotenza e dolore di fronte a delle vite spezzate, ma, soprattutto, di fronte all’addio a un piccolo angelo biondo di soli cinque anni.
Garcin