HomeCronacaL'auto da riparare non è pronta e pesta il meccanico: arrestato leccese...

L’auto da riparare non è pronta e pesta il meccanico: arrestato leccese “furioso”

RIPOSTO/ LECCE – Aveva portato l’auto dal meccanico per farla riparare a causa di un guasto improvviso, ma dopo qualche giorno, quando si è presentato per ritirarla, la vettura non era ancora pronta. E così, preso dall’ira, ha aggredito il meccanico, spedendolo in ospedale con prognosi riservata.

Il protagonista è il salentino Mauro Lomazzo, 49enne di Lecce, ma residente a Modena, arrestato nella tarda mattinata di giovedì con l’accusa di lesioni personali gravi ed ora ristretto in carcere, per avere costretto alle cure del pronto soccorso ed al successivo ricovero un meccanico locale: la prognosi del malcapitato siciliano è riservata.

Link Sponsorizzato

La vicenda ha inizio lo scorso lunedì mattina, quando il leccese Lomazzo, che si trovava con la famiglia per una villeggiatura a Riposto, in provincia di Catania, a causa di un guasto alla vettura è costretto a rivolgersi ad un meccanico del posto. Il danno è serio. Per completare la riparazione, infatti, il meccanico chiede tre giorni di tempo: “Tornate giovedì mattina e l’auto sarà pronta”.

Il leccese e la moglie, così, si ripresentano nell’officina nel giorno stabilito per la riconsegna. Entra solo la consorte, mentre lui resta all’esterno. La donna pretende la riconsegna della vettura, ma l’auto, come detto, non era ancora stata riparata. Tra il meccanico “ritardatario” e gli occasionali clienti nasce così un’accesa discussione, che presto degenera ed arriva a sfiorare la tragedia.

Link Sponsorizzato

Aggredito con calci e pugni, il malcapitato meccanico siciliano perde l’equilibrio in seguito ad uno spintone. Sbatte violentemente la testa contro la struttura metallica di un ponte sollevatore per auto e perde i sensi. Soccorso dai medici del 118, nel frattempo intervenuti insieme ai carabinieri su segnalazione di alcuni passanti, il meccanico viene trasportato d’urgenza all’ospedale “Cannizzaro” di Catania a causa di un grave trauma cranico con frattura. Il salentino, invece, viene subito rintracciato ed arrestato.

A scatenare la furia del leccese, secondo quanto ricostruito dai carabinieri della stazione di Riposto, sarebbe stato un gesto compiuto dal meccanico, in procinto di chiudere l’officina per la pausa pranzo. Mentre quest’ultimo invitava la donna a tornare in serata per riprendere la vettura, infatti, le avrebbe appoggiato una mano sulla spalla per accompagnarla all’uscita. Un movimento che Lomazzo non ha affatto gradito, al quale ha risposto con violenza, probabilmente preso dall’ira anche a causa della mancata riconsegna dell’auto. Lomazzo è ristretto nel carcere catanese di piazza Lanza.

Claudio Tadicini

Link Sponsorizzato

Ultime Notizie

Il trombettista Nello Salza al “Festival Internazionale delle Arti” con lo...

0
COPERTINO (Lecce) - La seconda e ultima serata della decima edizione del "Festival Internazionale delle Arti" si terrà sabato 9 luglio in piazza Castello...