Gallipoli (Lecce) – Deve scontare quasi otto anni e mezzo per associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione e rapina aggravata, relativi all’operazione denominata “Baia Verde”. Così questa mattina,  i carabinieri di Gallipoli, in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dalla Procura generale della Repubblica di Lecce hanno arrestato Roberto Parlangeli, 41enne, genero del boss Salvatore Padovano, detto Nino Bomba.

Il 41enne, già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari e ritenuto elemento di spicco della Sacra corona unita, in particolare del clan Padovano, ora si trova a Borgo San Nicola.

CONDIVIDI