LECCE – Dopo un 2018 ricco di successi e soddisfazioni, e in attesa della ripresa del campionato contro Benevento il 19 gennaio prossimo, vediamo in sintesi qualche numero dell’anno solare appena concluso con riferimento al solo campionato.

Nel 2018 il Lecce tra serie C e B ha disputato 34 partite(16 in serie C e 18 in B), ne ha vinte 16, pareggiate 11 e perdute 7. I punti conquistati sono stati cinquantanove. Dunque la media è di 1,74 punti a partita.

I calciatori utilizzati da mister Fabio Liverani, in quest’anno, sono stati 40. Al primo posto, per presenze, troviamo Marco Mancosu con 34 (su 34 partite) davanti ad Andrea Arrigoni con 26 gettoni di presenza, Marco Armellino con 23, Antonio Marino con 22, Francesco Cosenza e Franco Lepore con 18, Biagio Meccariello e Jacopo Petriccione con 17, Simone Palombi, Manuel Scavone, Lorenzo Venuti e Mauro Vigorito con 16, ecc.

I portieri utilizzati in campionato da Liverani sono stati 4: Mauro Vigorito con 21 reti subite su 16 partite, Filippo Perucchini con 8 reti su 15 partite, Marco Bleve con 2 reti su 2 partite e Gianmarco Chironi con 4 su 1 partita.

Per quanto riguarda le reti, i giallorossi ne hanno segnate 48 e subite 35. Hanno quindi una media realizzativa di 1.41 gol a partita. I migliori marcatori dell’anno, considerando in questo caso anche due partite di Coppa Italia, due di Coppa Italia serie C e due di Supercoppa di Serie C, sono stati Marco Mancosu con 8 reti davanti e Simone Palombi con 7 reti (di cui sei in campionato e uno in coppa Italia contro la FeralpiSalò), seguono a 6 gol Andrea La Mantia e Andrea Saraniti.

La partita con il maggior numero di spettatori è stata quella del 29 aprile (Lecce – Paganese 1-0) con 18.264 spettatori e incasso di € 194.933,67.

La partita, invece, con minor presenze è stata quella giocata il 25 novembre (Lecce – Cremonese 2-0) con 8.198 spettatori e un incasso di € 70.663,40.

Un anno da incorniciare con la promozione in serie B alla penultima giornata del campionato, quando il Lecce batte la Paganese grazie alla rete di Armellino. La quinta nella storia della società giallorossa. La fine di un incubo che i suoi tifosi attendevano da 6 anni.

In estate, poi, Meluso assembla un gruppo compatto e agguerrito, con elementi di esperienza e giovani volenterosi, una formazione che sta ben figurando nel torneo cadetto e che al momento si trova in zona play-off con trenta punti conquistati nel girone di andata, un traguardo insperato a inizio campionato. Dodici mesi emozionanti, costellati di gioie e soddisfazioni, e che lasciano ben sperare per il prosieguo del campionato.