Studium 2000

LECCE – “Corpo, Arte e Disabilità”: un progetto per andare (artisticamente) oltre le barriere. Si parte il 4 marzo prossimo con il primo dei cinque appuntamenti che, sino a giugno, permetteranno agli studenti universitari di misurarsi con il proprio corpo e la disabilità attraverso l’arte.

L’iniziativa è curata dal Gruppo di Lavoro di “Abbattitabù”, che è un progetto nato all’interno di un Protocollo d’Intesa tra l’Università del Salento e l’ASL Lecce, con l’obiettivo fondamentale di rispondere alla responsabilità sociale dell’informazione e della prevenzione, mettendo al centro dell’attenzione le persone con disabilità nelle varie dimensioni dello studio, del lavoro, del tempo libero, dell’affettività e della sessualità.

Il gruppo di lavoro è composto dagli esperti del Servizio di Consulenza Sessuologica alle Persone Disabili del Dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitazione dell’ASL Lecce, diretto dal dott. Antonio Antonaci (vi partecipano lo psicoterapeuta Ferruccio Pascali, la sociologa Patrizia Primiceri e il consulente sessuologo Massimo Vergari), dalla responsabile dell’Ufficio Integrazione Disabili dell’Università del Salento Paola Martino, dagli studenti e giovani laureati peer educator (educatori alla pari) della stessa Università e dalle volontarie del Servizio Civile.

La relazione con sé e gli altri, giovani studenti ed esperti-artisti, sarà dunque lo spazio in cui aprire una profonda riflessione in grado di abbattere tabù vecchi e nuovi, a partire da quelli legati alla sessualità, obiettivo che attraversa per intero il percorso di “Abbattitabù”. Sarà sperimentata una sorta di arte-terapia di gruppo grazie alla grafica, al canto, alla fotografia, alla scultura e alla poesia.

Scopo del progetto è, quindi, aiutare gli studenti con disabilità e senza disabilità a riflettere su se stessi, sul loro corpo e sui messaggi che esso rimanda, sulle difficoltà dell’affettività in un corpo diverso, sui sentimenti e le parole per esprimerli.

Mauro Marino (operatore culturale), Valentina D’Andrea (illustratrice e scenografa), Bruno Maggio (ceramista e scultore) e Tyna Maria Casalini (compositrice Christian/Gospel e musicarterapeuta) sono i professionisti che offriranno gratuitamente le loro competenze per animare i laboratori del progetto.

Negli incontri con gli esperti, i partecipanti lavoreranno su queste tematiche e produrranno un ”risultato” comune che sarà poi condiviso nell’evento finale del 12 giugno, che si svolgerà, come gli altri appuntamenti, negli spazi universitari dell’edificio 6 Studium 2000 in via di Valesio a Lecce.

Destinatari del progetto

Studenti dell’Università del Salento

Sede di svolgimento

Ufficio Integrazione Disabili – edificio 6 Studium 2000 – via di Valesio – Lecce

Modalità di svolgimento

Si prevedono almeno 5 incontri di circa 2/3 ore ciascuno (nel periodo marzo – giugno) con il coinvolgimento di esperti esterni con la supervisione del gruppo di lavoro del progetto Abbattitabù. Il lavoro svolto nei laboratori sarà poi sintetizzato in un incontro finale nel mese di giugno, in occasione del quarto anniversario della scomparsa del prof. Gino Santoro, presso la sede dell’Ufficio Integrazione Disabili.

Per la modalità laboratoriale sono previsti minimo 10, massimo 15 partecipanti.

Risorse

Gruppo di lavoro del progetto Abbattitabù

Esperti esterni:

Tyna Casalini – compositrice Christian/Gospel e MusicArTerapeuta

Valentina D’Andrea – illustratrice, scenografa

Bruno Maggio – ceramista, scultore

Mauro Marino – operatore culturale

Calendario eventi

Lunedì 4 marzo – ore 16.00 – 18.30:  esperto Mauro Marino

Lunedì 25 marzo – ore 16.00 – 18.30: esperta Valentina D’Andrea

Lunedì 8 aprile – ore 16.00 – 18.30: esperto Bruno Maggio

Lunedì 13 maggio – ore 16.00 – 18.30: esperta Tyna Casalini

Lunedì 3 giugno – ore 16.00 – 18.30:  esperta Tyna Casalini

Lunedì 10 giugno “prova generale” – ore 16.00 – 18.30: esperta Tyna Casalini più tutti gli altri esperti

Mercoledì 12 giugno – ore 17.00 Evento finale