CAMPI SALENTINA (Lecce) – Revoca dei domiciliari e divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. E’ quanto disposto, nelle scorse ore, dal gip Carlo Cazzella a carico dell’uomo originario di Salice salentino accusato di una serie di abusi, violenze e maltrattamenti sulla moglie. Il giudice ha così accolto l’istanza degli avvocati Oronzo Piccinno e Paolo Tondi a distanza di dieci giorni dal suo arresto.

L’uomo, stando a quanto denunciato, si sarebbe macchiato di gravi episodi ai danni della moglie sin dal 2014 spesso in preda ad uno stato alterato per via dell’alcol assunto o dell’abuso di sostanze stupefacenti. In una circostanza avrebbe spento una sigaretta sul volto della donna minacciata anche pesantemente: “Ti butto in un pozzo, non avrai vita facile”, gli avrebbe detto il marito in un momento di gelosia accecante.