OTRANTO (Lecce) – Da Lecce a Otranto per spacciare, ma la trasferta non è andata a buon fine grazie all’intervento dei Carabinieri, ed è finito in manette. Si tratta di Simone Italo Cesare Montefiore, 26enne residente a Vaprio d’Adda, nel milanese, ma che attualmente vive a Lecce, già noto alle Forze dell’ordine.

È accaduto nel pomeriggio di ieri, intorno alle 15.30, nella zona mercatale di Otranto,  durante un servizio dei militari finalizzato alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane durante la perquisizione, poi estesa anche alla sua dimora, è stato trovato in possesso di 28 pasticche di ecstasy (MDMA), una barretta di hashish del peso di 61 grammi, 3 involucri contenenti quasi un grammo di ketamina, un bilancino elettronico, e la somma in contante di 850 euro.

Tutto ciò che è stato rinvenuto è stato posto sotto sequestro. Per Montefiore, invece, sono scattati gli arresti domiciliari con l’accusa di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti.