NARDO’ (Lecce) – Sono entrati in azione nel cuore della notte, riuscendo ad intrufolarsi nella sede dell’associazione per poi rubare quanto di valore sono riusciti ad intercettare e portare via nel più breve tempo possibile.

Nel mirino dei ladri è terminata questa volta la sede della “Juventus Nardò Bianconera”, sezione neretina dell’Official Fan Club della celebre squadra di calcio, che si trova al civico 25 di via Generale Cantore, nel centro del paese.

Ad accorgersi del furto sono stati i responsabili dell’associazione, che questa mattina hanno trovato la brutta sorpresa ad attenderli. Ignoti malviventi sono riusciti ad entrare nella sede danneggiando la vetrata della porta d’ingresso, forse prendendola a calci o utilizzando qualche arnese specifico.

Una volta creatisi il varco d’accesso, complice anche l’assenza di un sistema d’allarme, si sono intrufolati e, indisturbati, hanno arraffato vari oggetti di valore. Nello specifico due televisori, una playstation ed una cassettina in metallo contenente del denaro, meno di un centinaio di euro, che fungeva da cassa del piccolo angolo bar presente nella sede.

Il saccheggio ha riguardato solo la prima sala, quella situata all’ingresso. Le altre, più grandi, in cui erano custoditi tra le altre cose anche i proiettori e i maxi schermi utilizzati per trasmettere le partite giocate dalla squadra bianconera, invece, non sono state visitate dai malviventi.

E’ probabile che si siano “accontentati” del bottino racimolato, il cui valore dovrebbe aggirarsi intorno ai duemila euro, e che non abbiano voluto proseguire la razzìa per non correre il rischio di trattenersi troppo a lungo attirando l’attenzione di qualcuno.

Non appena il furto è stato scoperto, i responsabili dell’associazione si sono rivolti agli agenti del commissariato di Nardò per sporgere denuncia. La polizia ha effettuato un sopralluogo, passando al setaccio la zona alla ricerca di telecamere di videosorveglianza che possano fornire dettagli utili alle indagini, ora in corso.

Il furto sembra riprendere, almeno per il modus operandi dei ladri, quello rimasto solo tentato andato in scena nel negozio di abbigliamento “Lisa fashion”, gestito da commercianti di nazionalità cinese e situato in via Aldo Moro.

Nella notte tra sabato e domenica, alcuni malviventi hanno rotto il vetro della porta d’ingresso della rivendita, cercando di intrufolarsi per rubare. L’antifurto del negozio, collegato ad un istituto di vigilanza privato, ha rovinato i loro piani: è entrato in funzione e li ha messi in fuga prima che potessero portare via qualcosa. Sull’episodio indagano i carabinieri della stazione di Nardò.