Foto di repertorio

OTRANTO (Lecce) – Riaprono i lidi e in Salento si riaffacciano i primi turisti. In particolare una vacanziera arrivata da Milano (una delle zona maggiormente messe a dura a prova dalla virulenza del Coronavirus). In una giornata spazzata via dalla tramontana più primaverile che estiva gli stabilimenti balneari hanno potuto ufficialmente avviare la stagione che non si prospetta per nulla facile. Molti lidi sono ancora chiusi. Appena il 10% ha deciso di ripartire mentre in tanti sono ancora indietro nonostante il via libera concesso dall’ordinanza regionale.

Nella zona degli Alimini, però, si è affacciata una vacanziera milanese. Un’habitué del Salento che non ha rinunciato a godersi il mare caraibico del tratto di costa degli Alimini. Entusiasta e carica a mille la vacanziera, prima di ritornare in Salento, si è sottoposta ai test sierologici e a tutte le analisi anticovid prima di trascorrere la quarantena in provincia di Lecce e riuscire così, nelle scorse ore, ad assaporare il profumo e la brezza del mare.

Dal 3 giugno, intanto, dovrebbe arrivare il via libera per tutti gli spostamenti tra le Regioni senza alcuna limitazione al momento contemplati solo per motivi di lavoro, salute o di stretta necessità, con tanto di autocertificazione. Proprio la Lombardia insieme al Piemonte rimane ancora una delle Regioni a destare le maggiori preoccupazioni in via del “liberi tutti”. La decisione finale è attesa tra venerdì e sabato quando saranno comunicate le “pagelle” del Ministero della Salute. Sulla base dei 21 parametri si conosceranno quali territori potranno uscire dall’isolamento.

D’altronde in Lombardia e in Piemonte si è registrato i due terzi dei contagi arrivano proprio da queste due Regioni e garantire lo spostamento di migliaia di persone verso altre zone d’Italia (tra cui la Puglia) potrebbe risultare, in questo momento, un rischio.