HomePoliticaAmianto, la tutela dei lavoratori italiani in Svizzera e il diritto di...

Amianto, la tutela dei lavoratori italiani in Svizzera e il diritto di essere risarciti anche dopo 20 anni

Dal 16 al 19 settembre saranno presenti in Puglia gli avvocati David Husmann e Massimo Aliotta, attuale presidente dell’associazione svizzera «Verein für Asbestopfer und Angehörige» (VAO) www.asbestopfer.ch).

L’associazione, fondata nel maggio 2002, da oltre 19 anni ormai conduce in Svizzera delle battaglie, giudiziarie e non, per fare ottenere alle vittime d’amianto i loro diritti lavorativi ed assicurativi. In tutti questi anni, infatti, l’associaizone ha intrapreso tante lotte giuridiche, sia in Svizzera che e a livello europeo.

Link Sponsorizzato

Attraverso un team di avvocati, infatti, sono stati affrontati diversi processi importanti di diritto amminstrativo, diritto penale e diritto civile in Svizzera per far sì che le vittime d’amianto potessero ottenere delle prestazioni, di vario genere, da parte dei datori di lavoro, dello Stato e delle assicurazioni sociali.

In particolare, tutti coloro che nel corso degli anni hanno svolto attività lavorativa in Svizzera e sono stati esposti all’amianto sul posto di lavoro, e che si sono ammalti di un mesotelioma pleurico, possono fare valere i seguenti diritti in Svizzera:

1. La suva come assicurazione sociale competente in Svizzera (in Italia sarebbe l’INAIL) risarcisce le vittime d’amianto che soffrono di un mesotelioma pleurico. Anche le vedove di lavoratori morti per causa di un mesotelioma possono ottenere della prestazioni assicurative.
2. Con una sentenza del 2014 la Corte Europea dei diritti dell’Uomo a Strasburgo,  in un caso che riguardava proprio la Svizzera, ha deciso che in Svizzera la legislazione deve essere cambiata a favore delle vittime d’amianto per evitare la prescrizione dei diritti dei lavoratori in ambito civile
3. Per tale ragione, dunque, a partire dal primo gennaio 2020 in Svizzera è entrata in vigore una nuova legislazione con una prescrizione di 20 anni, anziché 10,  affinché i malati di un mesotelioma pleurico possano fare valere i loro diritti verso i datori di lavoro.
4. Il 28 marzo 2017, inoltre, è stata costituita in Svizzera la Fondazione Fondo per le vittime d’amianto, in breve Fondazione EFA. La Fondazione EFA è un’iniziativa di imprese, associazioni e partner sociali, il cui finanziamento avviene su base volontaria.
Link Sponsorizzato

Di questo, e di altro cha riguarda i sacrosanti diritti dei lavoratori esposti all’amianto,  si parlerà nel corso delle iniziative che si stanno organizzando in Puglia, con la collaborazione degli avvocati Fernando Caracuta e Andrea Azzone: in particolare il 17 settembre si terrà a Bari, nel corso della mattinata, una conferenza stampa, mentre nel pomeriggio si terrà a Corsano, insieme all’associazione Emigranti nel mondo di Corsano, un’iniziativa di approfondimento delle diverse problematiche legate al risarcimento dei danni subìti dai lavoratori italiani esposti all’amianto in Svizzera.

Link Sponsorizzato

Ultime Notizie

Covid, lo studio pubblicato sul The Lancet: protezione del vaccino scarsa...

0
PUGLIA - Un recente studio pubblicato sull’autorevole rivista internazionale Lancet demolisce le nostre convinzioni sulla reale efficacia del vaccino, anche contro la malattia grave...

La domenica live

Saturday night live