TUGLIE (Lecce) – «Non può esserci sentenza per colmare il vuoto di una intera famiglia distrutta. Ogni giorno, ogni ora penso a mia figlia Viola, una bambina splendida, la più bella» – dichiara il consigliere pentastellato. È il commento del consigliere regionale Cristian Casili del consigliere regionale del Movimento 5 Stelle subito dopo la sentenza di condanna in primo grado per l’autista del tir, emessa dal gup del Tribunale di Brindisi.

«Penso ai suoi grandi e generosi occhi e a quel l’abbraccio che non mi faceva mai mancare la sera quando rientravo a casa – prosegue Casili – Per tre, quattro volte a settimana percorro quel tratto di strada e ogni volta i miei pensieri tornano a quel maledetto giorno».

«Non può esserci – conclude il consigliere – e non ci sarà mai perdono nei confronti di chi quel giorno ha causato la morte di cinque persone cambiando per sempre la mia vita, quella dei familiari e di mia moglie unica superstite che con i suoi occhi ha visto scomparire in un attimo gli affetti più importanti di una vita».