SALENTO – La cucina salentina riscuote successo nell’ultima edizione della Guida dei Ristoranti Gambero Rosso che ogni anno offre uno spaccato della scena ristorativa nazionale. I ristoranti censiti e che si sono guadagnati le famigerate “due forchette” sono:Vigneto del Gusto con 81 punti a Gallipoli, i leccesi Alex con 80 punti, Bros’ con 81 e Nazionale con 80 punti e Aqua delle Dune Suite Hotel con 82 a Porto Cesareo. “Una forchetta” invece, se l’aggiudicano La Locanda dei Camini  di Botrugno, con 75 punti, i leccesi 3 Rane Ristoro con 77 punti, Corte dei Pandolfi  con 75 punti, Il Gambero Rosso  con 76 e  Primo Restaurant  con 79 punti, Due volte da Umberto 1972  con 76 punti a Maglie, Origano cibo & vino  con 78 punti a Minervino di Lecce, gli idruntini: L’altro Baffo  con 77 punti e Pi Greco  con 75 punti, La Piazza  di Poggiardo con 75 punti, la Farmacia dei Sani  con 77 punti a Ruffano, Macinate Cantine 1931 con 76 punti a Specchia e Lemì  con77 punti a Tricase.

Ottimo risultato anche per le trattorie salentine che si aggiudicano “due gamberi”: l’Osteria degli Spiriti di Lecce, Le Stanzie  di Supersano, La Bersagliera  di Surano, A casa tu Martinu a Taviano e Lilith di Vernole.

Ad “un gambero” si attestano infine Le Macàre  di Alezio, Olo kalò  di Corigliano d’Otranto, A casa mia  di Tricase, Iolanda  di Lucugnano, La bottega dei sapori  di Ugento. E come migliore wine bar la guida premia, con “una bottiglia” Tabisca  di Lecce e  miglior bistrot con “una cocotte” Osteria 203, Fresco Fish Bar e La cucina di Mamma Elvira  a Lecce; mentre “un boccale” se lo aggiudica The Bluebit Pub, sempre a Lecce.