Un delicato ‘sonetto’ scritto da Carlo Vincenzo Greco il 9 maggio del 1993, per la festa della mamma. Una leggera, ma sempre rispettosa ironia scorre tra i versi, per omaggiare quella donna ‘ca ne ole mutu bene’, sempre. ‘Mamma per te la mia poesia vola’, sembrerebbe scrivere l’autore.

Composta 26 anni fa, appare attuale, fresca! Ci fa risentire i battibecchi  di tante famiglie, le madri che gridano, i figli che se la prendono: saggezza e  giovinezza a confronto, tra incontri e scontri. Ma tra le tante tempeste, agitazioni e frenesie, la mamma resta sempre ‘securu portu’ e questo ogni figlio lo sa. Un omaggio a tutte le mamme, ‘angeli te la casa’. Senza di loro, il cibo non avrebbe lo stesso sapore, i maglioni lo stesso profumo, gli abbracci lo stesso calore.

Ma, chiude il nostro poeta: “menu male ca ci nd’è una sula, senò, Carlu, te mmaggini cu ddoi?”.  Come dice un detto: “di mamma ce n’è una sola”. Un coro di voci sembrerebbe rispondere: “e menu male”. Quasi sempre in questi casi, ciò che la bocca dice il cuore non pensa. Perché la mamma è sempre la mamma. Auguri!

di Manuela Marzo 

 

ALLA MIA MAMMA di Carlo Vincenzo Greco

Sta scriu stu sunettu a mamma mia
Ca sacciu ca me ole mutu bene,
se puru quarche fiata ieu ulìa
cu fazzu ccenca bbogghiu, comu ene;

ma iddha, ca ete l’Angelu te la casa,
nna fiata nu me lassa pe paura;
nu mbole cu se fazza moi persuasa
ca su’ rande, persona ormai matura

e nu se stracca mai te suggerire:
“Securu portu contru ogne nùula
ete la mamma per li figghi soi”.

E bbae raggione, sì, nu nc’è che dire,
ma…menu male ca ci nd’è una sula,
senò, Carlu, te mmaggini cu ddoi?