SANREMO – Se qualcuno, malignamente aveva ipotizzato che la seconda serata senza Fiorello, sarebbe stata una noia mortale, si è dovuto ricredere: i 9 milioni 687 mila spettatori, pari al 47.7% di share hanno segnato un nuovo boom di ascolti.

Claudio Baglioni sembra aver trovato la formula vincente per trasformare una manifestazione giunta al 68esimo anno di età in uno spettacolo che coniuga musica e ironia, impersonando il suo ruolo di direttore artistico e capendo quando fare un passo indietro per lasciare spazio alla spumeggiante allegria di Michelle Hunziker e alla forte presenza scenica di Pierfrancesco Favino che sta dando prova di essere uno showman a tutto tondo oltre che un grande attore.

La seconda serata del Festival di Sanremo si è aperta con un duetto tra Michelle Hunziker e Claudio Baglioni sulle note del brano “Il pozzo dei desideri”, dalla colonna sonora di Biancaneve e i sette nani, che ha preceduto il lancio dei primi 4 cantanti in gara con le Nuove Proposte.

Primo a salire sul palco è stato Lorenzo Baglioni con la canzone “Congiuntivo”, seguito da Giulia Casieri con “Come stai”, Mirkoeilcane con “Stiamo tutti bene” e infine Alice Caioli con “Specchi rotti”.

La giuria demoscopica ha premiato Alice Caioli, al secondo posto si è piazzato Secondo Lorenzo Baglioni, terza Giulia Casieri e ultimo, a sorpresa Mirkoeilcane.

La serata è proseguita allietata delle gag tra i conduttori che divertono e convincono il pubblico in sala e a casa.

Hanno invece convinto un po’ meno i ragazzi de Il Volo che sono saliti sul palco dopo tre anni dalla vittoria del 2015 e hanno scatenato una meritata standing ovation cantando “Nessun Dorma”, ma hanno incassato varie critiche per l’interpretazione, giudicata “priva di sentimento” di “Canzone per te” di Sergio Endrigo.

Attesissimo Pippo Baudo che non ha deluso il pubblico con la sua lettera aperta al Festival in cui ha anche ricordato la sua carriera sul palco dell’Ariston davanti ad un pubblico che lo ha accolto in piedi con un lungo applauso.

Sicuramente rimarrà nella storia del festival il ballo scatenato di Pierfrancesco Favino e Michelle Hunziker sulle note di “Despacito” di Luis Fonsi.

L’ospite straniero della seconda puntata del Festival è stato Sting che ha reso omaggio a Zucchero intonando in italiano “Muoio per te” e ha duettato con Shaggy sulle note di “Don’t make me wait” ricordando anche Luciano Pavarotti”.

La serata prosegue a ritmo serrato non lasciando allo spettatore il tempo di annoiarsi, infatti Claudio Baglioni siede al pianoforte e canta “Questo piccolo grande amore” mentre entra in scena Franca Leosini che ispirandosi “Storie Maledette” il programma da lei condotto su Rai3, sottopone il cantante ad una ironica intervista-interrogatorio proprio sulle note della famosa canzone” e si emoziona quando sceglie come canzone del cuore “Ancora” di Eduardo De Crescenzo cantata da Baglioni mentre abbracciati escono di scena.

E a proposito di grandi emozioni, non ha deluso Roberto Vecchioni, attesissimo sul palco dopo la storica vittoria del 2011 con “Chiamami ancora amore”, che ha sfoggiato con orgoglio il ranuncolo giallo sul bavero della giacca in omaggio alla lotta contro la violenza sulle donne, abbracciata e promossa dal Festival di Sanremo e coinvolgendo tutti con le sue parole ispirate dal binomio musica-poesia.

Ancora divertimento con il Mago Forrest che è sempre garanzia di intrattenimento.

A tenere banco, la sorte del duo Meta-Moro, sospeso in attesa che vengano prese delle decisioni in merito alla canzone presentata.

In conclusione di serata, il giudizio della giuria demoscopica di martedì è stato ribaltato da quello della stampa che ha salvato alcuni cantanti dalla fascia rossa della classifica facendo invece perdere posizioni ad altri che erano in cima.

Il Festival di Baglioni convince.
Grande attesa quindi per la gara di stasera.

Claudia Forcignanò