Tra spiagge incontaminate e acque cristalline, a cavallo tra storia e modernità, immerso in una florida pineta, a Gallipoli sorge il Grand Hotel Costa Brada.

Raccontare l’eccellenza che il Grand Hotel Costa Brada rappresenta per il territorio salentino significa mettere al centro del lavoro svolto dal direttore Anio Iannuzziello e dal suo team di professionisti, la precisa volontà di offrire al cliente un’esperienza, soprattutto emozionale, che renda indimenticabile la permanenza nella Città Bella.

Il Costa Brada, per i turisti che decidono di organizzare la propria vacanza in Salento, è un sicuro punto di riferimento, poiché oltre alla struttura alberghiera composta da 76 camere suddivise in comfort, deluxe, jr suite e suite, offre anche una serie di location interamente dedicate al relax e al benessere degli ospiti:
• 2 parchi;
• 1 piscina vista mare;
• 1 centro fitness;
• 3 ristoranti con proposte gastronomiche differenziate per offrire ampia scelta agli avventori;
• 4 bar;
• 1 centro congressi con 200 posti;
• 3 sale meeting da 80 posti;
• 1 Royal Sporting club;
• 4 parcheggi per un totale di 3000 posti auto di cui 2 esterni scoperti adiacenti alla struttura, 1 interno scoperto e 1 interno coperto;
• 3 lidi, tra cui il Lido Sant’Anna.

La struttura, negli ultimi 5 anni è stata ristrutturata adeguando agli standard le camere, la hall, la reception, la sala meeting e il grande parco naturale di 2500 mq.

Nel Grand Hotel Costa Brada grande attenzione è riservata alle famiglie con bambini, infatti dal 15 giugno al 15 settembre, la struttura organizza una serie di eventi e il servizio animazione per i più piccoli, che potranno così godere di una vacanza su misura per loro.

Il Grand Hotel Costa Brada è un’istituzione radicata nel Salento che ha trovato nella gestione di Anio Iannuzzello l’incontro perfetto tra innovazione, tradizione e cultura dell’ospitalità turistica di alto livello.

«Gallipoli merita un turismo che ne sappia apprezzare e valorizzare la bellezza, per questo motivo abbiamo deciso di investire in questa direzione tutte le nostre energie e competenze», ha dichiarato il direttore del Grand Hotel Costa Brada Anio Iannuzziello, che abbiamo raggiunto telefonicamente e ha aggiunto: «La mia esperienza nel settore mi ha insegnato l’empatia, ho imparato che ogni cliente ha esigenze differenti ed è compito mio e del mio team intuirle, interpretarle e soddisfarle

Il Grand Hotel Costa Brada ha anche accettato una sfida: riportare a Gallipoli il turismo estero e italiano di qualità, e a oggi i numeri indicano che la strada intrapresa è quella giusta, infatti già nei mesi di aprile e maggio, le prenotazioni hanno avuto un incremento rispettivamente del 40% e del 60%, portando ad un’affluenza da record che ha visto le stanze occupate nell’arco dell’intera settimana e non solo nei weekend con un indice medio di soggiorno di 4 notti.

I turisti che maggiormente scelgono di soggiornare presso il Grand Hotel Costa Brada sono svizzeri, russi, americani, tedeschi e spagnoli, quelli che si trattengono per un lasso di tempo maggiore sono i francesi, mentre gli italiani prediligono i soggiorni brevi.

«I turisti italiani ricercano un soggiorno dedicato al relax e al mare, mentre quelli stranieri sono attratti dall’enogastronomia e dalla cultura – ha detto ancora Anio Iannuzziello – e non dobbiamo dimenticare che in molti paesi europei, sono previsti ponti e festività che non abbiamo in Italia, quindi la stagione turistica inizia già tra marzo e aprile e inoltre il nostro centro congressi ospita molti meeting, i nostri clienti sono molto esigenti e dimostrano il loro apprezzamento tornando a soggiornare da noi, infatti molti di coloro che sono venuti ad aprile e maggio, torneranno tra fine agosto e settembre e questo significa portare un forte movimento economico nel Salento che favorisce non solo noi, ma tutto il territorio, sperando in una potenziale collaborazione con strutture extra alberghiere e attività commerciali. L’essenza è fare sistema e lavorare sulle sinergie

L’obiettivo che si è posto Anio Iannuzziello quando ha preso in mano le redini del Grand Hotel Costa Brada è importante e dalle sue parole, dal suo modo elegante ed educato di rapportasi, è facile intuire che ha le idee chiare di chi ama la propria terra adottiva, essendo lucano, e desidera il meglio: un turismo che finalmente porti un beneficio economico e culturale al Salento, agli operatori del settore, ai ristoratori e ai commercianti, un turismo che non sia più ostaggio di affittacamere abusivi, di una mentalità gretta che associa il divertimento allo sbando portando Gallipoli all’attenzione dei giornali più per fatti di cronaca che la sua bellezza.

L’obiettivo del Grand Hotel Costa Brada è raggiungibile, Anio Iannuzziello è il portabandiera del turismo di qualità, ma affinché ciò si realizzi è necessario che tutti facciano fronte comune a partire da una collaborazione tra strutture per lavorare in totale sinergia, passando per le istituzioni che hanno il dovere di impegnarsi nella lotta all’abusivismo e concludendo con la Regione che deve proporre un efficace piano di potenziamento dei trasporti pubblici che collegano Gallipoli a Lecce, Bari e Brindisi.

Un successo meritato dunque quello del Grand Hotel Costa Brada, di Anio Iannuzzello, del suo team e della proprietà Filograna, costruito con la fatica, l’impegno e la passione tipici delle grandi imprese destinate a vincere non le battaglie ma le guerre.

Claudia Forcignanò