SANREMO – Grande festa di inaugurazione per Casa Sanremo 2019: giornalisti, artisti e addetti ai lavori, si incontreranno all’interno della casa per dar vita a iniziative e collaborazioni artistiche e musicali.

All’inaugurazione, oltre ai futuri ospiti della Casa, hanno preso parte il patron Vincenzo Russolillo, la madrina Roberta Morise, volto noto Rai,il Governatore della Regione Liguria Giovanni Toti, il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri e il maestro orafo Michele Affidato.

Proprio sul maestro Michele Affidato è doveroso accendere i riflettori, poiché è lui il creatore dei premi che verranno assegnati nel corso della manifestazione canora.

I premi, presentati nei giorni scossi presso lo showroom del maestro Affidato, sono una raffinata selezione di opere di alta oreficeria, tra cui spicca il prestigioso “Premio della Critica Mia Martini” destinato all’artista scelto dalla giuria di qualità composta da giornalisti e critici musicali.

L’opera realizzata per l’occasione dal maestro Affidato rappresenta un leone che si poggia su una chiave di violino, con alla base una composizione di fiori.

Anche da Casa Sanremo verranno consegnati dei premi: i “Soundies Awards” destinati ai migliori videoclip dei Big, il “Premio Giuria degli Adolescenti” tra le novità di quest’anno, che verrà attribuito da una giuria di 100 “millennials”, che voteranno le canzoni in gara, e i  premi “Musica contro le Mafie” che verranno consegnati da Rocco Mangiardi, testimone di giustizia di Lamezia Terme.

Altri premi saranno consegnati nel’ambito del Gran Gala del Casinò di Sanremo: ad Iva Zanicchi andrà il “Premio Numeri Uno  – Città di Sanremo” che raffigura una palma affiancata dal numero 1 in cui sono stati incastonati un fiore in argento ed un topazio azzurro, ed i “Premi Dietro le Quinte” che per volere della giuria presieduta dalla giornalista Marinella Venegoni, sono stati assegnati all’addetto stampa Tullia Brunetto, al manager de Il Volo Michele Torpedine, al direttore di Chi Alfonso Signorini e all’autore Gianni Belfiore.

Infine il “Premio Mr. Blogger” andrà a Giuseppe Candela, il “Premio Afi” (Associaizone Fotografi Italiana) verrà assegnato a Peppino di Capri.

Michele Affidato, originario di Crotone, ha mantenuto stretto il legame con la sua terra natia fondando là il suo laboratorio nel 1987, ma la passione per l’arte orafa inizia nel periodo dell’adolescenza e si va raffinando col passare del tempo, tanto da arrivare a meritare la fiducia delle più importanti personalità italiane e finanche del Papa.

Nelle sue opere Affidato coniuga sapientemente l’antica tradizione Bizantina e Magno-Greca alle linee più moderne, riscuotendo apprezzamento da parte dei fruitori.

Da ormai 5 anni la sua arte è parte integrante del Festival di Sanremo, ma alla mondanità ha accostato l’arte sacra realizzando immagini sacre destinate a chiese e autorità religiose.

Il suo talento è stato apprezzato in Vaticano, infatti è stato ricevuto 6 volte da Padre Giovanni Paolo, 9 volte da Benedetto XVI e 5 volte da Papa Francesco.

Claudia Forcignanò