LECCE – L’attenzione della società di via Colonnello Costadura al momento è rivolta a due questioni di primaria importanza: il Via del Mare e i calciatori da confermare per la Serie A. Se del primo aspetto si è già detto, paventando addirittura l’ipotesi di giocare le gare interne in Calabria, il secondo argomento è in continua evoluzione. Della rosa che ha fatto parte della stagione appena conclusa, almeno per i giallorossi, sono stati messi a segno già tre colpi di primaria importanza nella zona nevralgica del campo: Tachtsidis, Majer e Tabanelli. Per il centrocampista greco, oltre che un atto voluto, è stato un atto dovuto in virtù della clausola che obbligava Meluso a riscattarlo in caso di accesso alla massima serie. Per lo sloveno invece dovrebbe prolungarsi la permanenza in giallorosso sino al 2021. Stesso discorso per Tabanelli che grazie ad una stagione super, sembra essersi guadagnato la riconferma nel massimo campionato.

Per quanto riguarda il reparto arretrato sembrano certi gli addii di Bovo e Di Matteo, mentre per Venuti, a fine prestito, si cercherà di rinnovare l’accordo con la Fiorentina. Situazione più semplice per Meccariello, anch’egli in prestito dal Brescia ma sul quale il Lecce può vantare un’opzione di riscatto. Nel reparto mediano del campo, detto della situazione di Tachtsidis, Majer e Tabanelli, sembra  ai titoli di coda l’avventura di Arrigoni e Scavone nel Salento. In avanti gli unici certi della riconferma sono i tre tenori Mancosu, Falco e La Mantia.  Per tutti gli altri Meluso deciderà in base alle occasioni che il mercato offrirà, con un occhio di riguardo all’Est Europa. Infine menzione speciale per Ciccio Cosenza, uno dei protagonisti del doppio salto dalla C alla A che dopo tre stagioni lascia il Salento dopo essere entrato nel cuore dei tifosi.

Piez