LECCE – “La prevenzione: un segno di responsabilità”: parte la campagna di comunicazione creata dall’Asl di Lecce, su cui ha scommesso anche la Regione Puglia. Il Polo Oncologico ospita la Giornata della Prevenzione: l’obiettivo è raggiungere la copertura totale dei soggetti che dopo una certa età devono ricorrere allo screening mammografico (50 anni), PAP TEST, HPV (questi ultimi due dai 25 anni) e colon – retto (tra 50 e 69 anni). Ogni due anni è necessario il controllo, dopo averlo fatto una prima volta.

La campagna di comunicazione punta su prevenzione primaria e secondaria. È fondamentale adottare stili di vita corretti, evitare i comportamenti a rischio e aderire agli screening. Sono alcuni dei capisaldi della Giornata della Prevenzione 2018, in programma oggi nel Polo Oncologico “Giovanni Paolo II” di Lecce.

La giornata nasce per aiutare i cittadini a comprendere meglio il valore della prevenzione e degli screening oncologici. Quando si parla di prevenzione primaria, infatti, si intende prioritariamente la promozione e il sostegno di uno stile di vita corretto che aiuta a prevenire la comparsa delle malattie gravi, tra cui il cancro. Oltre agli esami oncologici preventivi, ognuno di noi è responsabile, quotidianamente, della propria salute, adottando scelte il più possibile consapevoli riguardanti l’alimentazione, l’attività fisica, comportamenti non a rischio.

Su un livello diverso intervengono gli screening oncologici (alla cervice uterina, alla mammella e al colon retto), che rientrano tra i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e sono gratuiti per le persone in fascia di età target. Bisogna ricordare che le malattie oncologiche rappresentano la seconda causa di morte in Italia, dopo le malattie cardiovascolari, ossia il 30% di tutti i decessi. La prevenzione, quindi, gioca un ruolo fondamentale perché, attraverso gli screening si riesce a individuare precocemente, prima che si manifestino i sintomi, eventuali tumori.

Tutte questioni che, durante la Giornata della Prevenzione, sono state affrontate anche dal punto di vista di una corretta informazione ai cittadini, che è poi l’obiettivo principale della nuova campagna di comunicazione della ASL Lecce, denominata “La Prevenzione: un segno di responsabilità”. “Stiamo lavorando insieme al Dipartimento di Prevenzione, diretto dal dott. Fedele, per la prevenzione a 360 gradi, dai vaccini alla sicurezza sul lavoro fino alla prevenzione nel campo delle cronicità e delle malattie oncologiche” – ha spiegato il direttore generale dell’Asl leccese, Ottavio Narracci. Questa nuova iniziativa è un altro importante tassello nella lotta al cancro.