Come se non bastasse l’emergenza Coronavirus, l’Italia è chiamata ad affrontare un altro problema serio: quello climatico. “Su gran parte del nostro territorio non piove in modo significativo ormai da mesi, salvo casi localizzati, con deficit pluviometrici piuttosto pesanti su diverse regioni” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara – “Tra le aree che soffrono maggiormente la carenza di pioggia segnaliamo quelle del Nord Italiadove non transita una perturbazione significativa dal 18-20 dicembre dello scorso anno. Le cose non vanno molto meglio anche su molte zone del Centrosud, dove si è passato qualche fronte ma spesso indebolito e poco incisivo, con precipitazioni disomogenee, mal distribuite e nella maggior parte dei casi di modesta entità. Dopo un Inverno sostanzialmente secco e termicamente sopra media, anche la Primavera si sta mostrando ad ora avara di precipitazioni (quando invece normalmente una stagione così vivace dovrebbe offrire spunti piovosi importanti).

“Marzo ha giocato a fare l’Inverno per un paio di settimane ma a livello generale con pochi spunti piovosi mentre aprile, mese solitamente assai dinamico, sta per ora andando anche peggio sotto lo strapotere dell’alta pressione” – prosegue Ferrara di 3bmeteo.com –“Le grandi assenti negli ultimi 4 mesi sono state le perturbazioni atlantiche, quelle che portano piogge diffuse e ben distribuite o che possono scavare importanti depressioni sui mari italiani. I (pochi) spunti instabili sono spesso giunti da Nord o da Est, ma con effetti in genere modesti salvo casi assai localizzati, dove si sono avute magari piogge anche importanti ma sempre e solo circoscritte temporalmente e spazialmente.”

In questi giorni è partita la stagione irrigua ma le riserve idriche sono già in sofferenza su diverse aree, specie al Nord e in particolare su Piemonte e Lombardia: Lago di Como, d’Iseo e il Lago Maggiore risultano ben al di sotto del livello idrografico medio (va meglio sul Lago di Garda). Problemi anche al Centrosud dove tuttavia la situazione è più diversificata: la diga di Penne in Abruzzo è ad esempio quasi al massimo della propria capacità, così come i bacini piacentini del Tidone e del Molato; in Sardegna situazione ancora accettabile. Tuttavia altrove la situazione media è di deficit idrico. Deficit che potrebbe causare ulteriori problemi al settore agricolo, dove già si soffre la carenza di manodopera per l’emergenza Coronavirus. “Dobbiamo augurarci che almeno la fine di aprile e maggio portino con sé preziose piogge.”

“Da metà dicembre e tuttora assistiamo ad una netta predominanza dell’alta pressione non solo sull’Italia, ma anche su vaste porzioni d’Europa: deficit pluviometrici significativi si sono infatti registrati pure su gran parte dell’Europa centrale e orientale” – avverte Ferrara di 3bmeteo.com – “Da metà dicembre e almeno fino alla prima parte di marzo il vortice polare si è dimostrato particolarmente forte sul Polo NordImmaginiamo questo vortice come una sorta di trottola: più il vortice è forte, più esso gira più velocemente su sé stesso concentrando gran parte del gelo che lo alimenta sopra l’Artico e contemporaneamente avvicinando a sé la corrente a getto polare. In questa dinamica gli anticicloni vengono ‘risucchiati’ dalle latitudini sub-tropicali verso le medie latitudini europee, l’anticiclone delle Azzorre si rafforza e viene ‘stiracchiato’ verso l’Europa. Risultato: condizioni meteorologiche tempestose sul Nord Europa, dove i venti vengono esasperati, tempo invece spesso secco e con temperature ben oltre la media sull’Europa centro-meridionale e quindi anche sull’Italia. A dire il vero nell’ultimo periodo abbiamo assistito anche ad un sbilanciamento dell’alta pressione sul Nord Europa, tuttavia la sua matrice sub-tropicale rimane forte abbastanza da impedire l’ingresso franco delle perturbazioni atlantiche su Mediterraneo centrale e Italia.”

Nei prossimi giorni il vortice polare dovrebbe subire un fisiologico indebolimento e questo consentirà probabilmente un maggiore dinamismo meteorologico sull’Europa. Nel frattempo nella prossima settimana ci attendiamo il passaggio di una perturbazione che porterà un po’ di pioggia soprattutto al Centrosud. Nord invece ancora una volta ai margini con precipitazioni più deboli e occasionali, che certamente non risaneranno almeno in questa circostanza il deficit idrico. Le temperature subiranno un calo, dopo il caldo anomalo atteso nel weekend con punte anche di oltre 25°C” – concludono da 3bmeteo.com