Foto di repertorio

MELENDUGNO (Lecce) – I carabinieri li hanno sorpresi mentre lanciavano pietre sull’asfalto per impedire il passaggio dei mezzi e delle forze dell’ordine diretti verso il cantiere Tap, situato a San Foca, in località San Basilio. E per entrambi è così scattata la denuncia.

I protagonisti sono due minorenni, fermati nel pomeriggio di ieri dai carabinieri della 14esima Brigata Calabria nel corso del servizio di vigilanza dinamica all’esterno del cantiere del contestatissimo gasdotto.

I militari, unitamente ai colleghi della stazione di Melendugno, hanno fermato i due ragazzini mentre lanciavano sull’asfalto alcune pietre, prelevate dagli adiacenti muretti a secco, con lo scopo di impedire il passaggio degli automezzi di cantiere e delle forze dell’ordine.

Entrambi gli adolescenti, al termine delle formalità di rito, sono stati riaffidati ai rispettivi genitori. I due sono difesi dagli avvocati Francesco Stella e Massimiliano Petrachi.

CONDIVIDI