LECCE – Il piano che abbiamo svelato nei giorni scorsi comincia a prendere forma: il Polo Civico punta a far sganciare Adriana Poli Bortone dal centrodestra e poi decidere se mettere in campo la senatrice o l’ex vicesindaco. Si vocifera di un asse tra Delli Noci e la ex sindaca ravvivato dai rinfocolati veleni verso Perrone e compagni. I pontieri del centrodestra provano a scongiurare questo scenario. L’Udc mette da parte il ricatto della corsa solitaria con Mignone e convoca centrosinistra e movimenti di Delli Noci per la costruzione di una coalizione robusta: appuntamento per martedì alle 15:30 nella sede leccese dei centristi. Lo Scudocrociato ha capito che con tutti i candidati che ci sono in campo la corsa solitaria giusto per piazzare il candidato sindaco non è più realizzabile. Il Polo civico, però, vuole fare da solo, con un suo candidato e dà il due di picche principalmente al centrodestra: con il centrosinistra il dialogo è solo rimandato.

“Il Coordinamento della lista Lecce Popolare ha esaminato le proposte di invito a patecipare agli incontri dei rispettivi tavoli convocati dal centro destra e dal centro sinistra – spiegano i tre coordinatori di Puglia Popolare, Luigi Mazzei, Dino Pagliaro e Gigi Valente – Abbiamo apprezzato l’attenzione prestata al nostro Movimento Civico Puglia Popolare in particolare da parte di Forza Italia e dal suo Coordinatore Provinciale Paride Mazzotta e dall’UDC rappresentato dal Senatore Salvatore Ruggeri.
Ma in questa fase riteniamo opportuno proseguire nel nostro impegno intrapreso di unire tutti i movimenti continuando con il Tavolo del Civismo da noi istituito, convinti che in questo momento sia importante definire l’idea di Città da sottoporre all’attenzione dei cittadini. L’insediamento dei tavoli tematici previsto per la prossima settimana consentira’ ai Movimenti Civici di proporre il loro progetto per Lecce 2019 e successivamente procedere individuando il candidato giusto ad eseguirlo scelto nel mondo civico.
Appena completato il nostro percorso saremo pronti al confronto con chi vorrà sposare la nostra idea per Lecce”.

Ma cosa fanno tutti gli altri? Gli uomini di Delli Noci attendono che il capo decida se candidarsi o far scendere in campo la senatrice al posto suo. Lo schema sarebbe sempre lo stesso: allearsi al ballottaggio con il polo antagonista alla squadra di Perrone, nella speranza che Salvemini non si ricandidi in modo da tenere all’interno della coalizione Andare Oltre con Massimo Fragola. La partita è solo all’inizio: le squadre, per ora, col Movimento 5 Stelle sono quattro.

“Non vedo alcune persone che parlano di me da anni e non tollererò che nessuno, né stampa né privati continuino a raccontare bugie sul mio conto. Io faccio politica pura. Mi tutelerò in tutti i modi consentiti, nessuno escluso”. Commenta così i retroscena emersi negli ultimi giorni Adriana Poli Bortone, che spiega di voler restare nel centrodestra, anche se il polo dei civici dovesse offrirle qualcosa.