LECCE – “Chiamare i cittadini, a cadenza annuale, a prendere parte ad una iniziativa di partecipazione sui temi dell’amministrazione pubblica è un impegno che sento di assumere, perché abbiamo bisogno di confrontarci, esprimere proposte, farlo guardandoci negli occhi e discutendo il nostro punto di vista in un contesto di comunità”. Lo dichiara il candidato sindaco Carlo Salvemini.

“Investiremo fortemente sul tema della cittadinanza attiva – prosegue – per renderla una componente strutturale dei processi amministrativi: Piano Urbanistico Generale, Piano Generale del Traffico Piano urbano della mobilità sostenibile, Piano Coste, rigenerazione degli spazi restituiti alla comunità (come Masseria Tagliatelle) e di quelli per i quali è necessario definire insieme la giusta funzione (come la nuova area verde del Campo Montefusco).

Abbiamo chiaro in mente ciò che occorre fare per dare gambe forti alla cittadinanza attiva a Lecce – conclude Salvemini – fare partire i comitati di quartiere, istituiti e regolamentati pochi mesi fa; attivare le consulte tematiche, ferme da troppo tempo; realizzare l’Urban center, nel quale condividere i grandi progetti che stanno cambiando e che cambieranno il volto della città; attivare i processi di assegnazione degli spazi pubblici di quartiere, collaborando con associazioni ed espressioni dell’attivismo civico, culturale, sportivo, sociale, il loro utilizzo, cura manutenzione. Perché ‘una città non la cambia il sindaco, non la cambia la giunta. La cambiano i cittadini”.