LECCE – Si è tenuta sabato 15 giugno 2019 alle ore 11.00 presso i Cantieri Teatrali Koreja, la presentazione pubblica de IL Teatro del Luoghi Fest 2019 & Fintererra, un progetto di Teatro Koreja realizzato con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020, Unione Europea, Regione Puglia – Assessorato all’Industria Turistica e Culturale, PiiiL Cultura, Teatro Pubblico Pugliese, Istituto Italiano di Cultura di Tirana, Polo Biblio Museale di Lecce. In partnership con Provincia di Lecce, Comune di Lecce, Comune di Aradeo, Città di Tirana, SAC Salento di Mare e di Pietre, Gli Asini. Partner culturali Progetto Complicities nell’ambito del Programma INTERREG IPA CBC Italia-Albania-Montenegro 2014/2020; Progetto MYA nell’ambito del Bando Innolabs della Regione Puglia.

Sono intervenuti:

Loredana Capone, Assessore Industria Turistica e Culturale Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali della Regione Puglia;

Fabiana Cicirillo, Assessore Cultura e Valorizzazione Patrimoni Culturale Comune di Lecce;

Luigi Arcuti, Sindaco Comune di Aradeo;

Marco Giannotta, Vice Presidente Teatro Pubblico Pugliese;

Marco Petroni, Teorico e Critico del Design Curatore Progetto Arte dei Luoghi;

Salvatore Tramacere, Direttore artistico Teatro Koreja;

Dal 23 giugno al 31 ottobre, 21 giorni di spettacoli internazionali, prime nazionali, progetti di comunità, performance site specific, multimedia e incontri. 2 Paesi coinvolti fra Italia e Albania, per un festival multidisciplinare e transnazionale.

 […] È di nuovo il tempo della poesia. Un tempo necessario. E il teatro, che altro non è che una forma di poesia, cerca e ritrova la terra da cui proviene, nei luoghi che più gli appartengono: un ex fabbrica di mattoni alla periferia di Lecce che è un teatro internazionale, un’antica dimora signorile ad Aradeo, che diventa un palazzo d’arte contemporanea e, al di là del mare, l’Albania, patria sorella. L’edizione 2019 de Il Teatro dei Luoghi Fest, racconta incontri, musica e spettacolo. Una festa della parola, non solo quella detta o scritta ma soprattutto quella che si lascia immaginare con il corpo danzante o quello circense, la parola che accompagna la musica e la fotografia. Una festa attenta agli spazi che non vuole occupare, ma con i quali convivere, assecondandone le forme e le antiche memorie. La ricostruzione voluta e cercata di ombre e fantasmi che ci fanno da guida, che ci ricordano quanto, ancora, questa terra venga rigenerata, ricreata, da quegli avamposti di resistenza culturale che altro non sono che poesie nate dalla stessa terra, rossa riarsa. E se, “non ci ascolta nessuno perché diciamo le stesse cose, perché abbiamo la stessa voce”, diciamolo più forte, diciamolo in poesia […]

Lecce, Aradeo e Tirana i luoghi scelti per le date di questa edizione. Luoghi che raccontano in modo forte l’identità di Koreja e che rappresentano lo “stare” all’interno di una comunità e il “fare” arte secondo specifici processi e progettualità.

Apertura domenica 23 giugno con due ospiti d’eccezione: Goffredo Fofi dialoga con Vinicio Capossela in PESTE E CRONACHE DEL POST MEDIOEVO CORRENTE, un dialogo nella forma di “jukebox contemporaneo” e la scelta di alcuni brani da commentare.

Si prosegue lunedì 24 presso il Convitto Palmieri di Lecce con il PREMIO DELLA RIVISTA “GLI ASINI” a cura di Goffredo Fofi: per il secondo anno il Polo Biblio Museale di Lecce ospita il prestigioso premio nell’ambito de Il Teatro dei Luoghi Fest. Il premio, nato nel 1992 viene assegnato alle personalità più importanti della cultura e della società italiana ed europea che si sono distinte per la loro “filosofia asinina”, ossia una particolare testardaggine a raggiungere gli obiettivi, nei rispettivi campi di appartenenza.

Giovedì 27 giugno le Officine Cantelmo ospiteranno SOCIAL KARMA un brainstorming sulla co-creazione di una piattaforma digitale funzionale alle imprese culturali salentine che operano nel Distretto Produttivo Puglia Creativa a cura di Carlo Infante – Urban Experience nell’ambito del Progetto Mya (Manage Your Arts) finanziato dal Bando Innolabs della Regione Puglia. A seguire un walkabout, una conversazione radionomade partecipativa per esplorare luoghi e persone a cura dello stesso Carlo Infante.

Sabato 29 giugno il Teatro dei Luoghi ospita il Progetto Complicities – COntemporary Modelling Peripheries for LIvable CITIES, cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma INTERREG IPA CBC Italia-Albania-Montenegro 2014/2020 con MOBY DICK un grande progetto del Teatro dei Venti tratto dal celebre romanzo di Melville ideato per gli spazi urbani, che coinvolgerà tutto il quartiere Borgo Pace con oltre 70 persone tra artisti e non, in stretta relazione con la comunità locale.

Dal 12 al 19 luglio il Teatro dei Luoghi si sposta ad Aradeo. Venerdì 12 Luglio, infatti, Palazzo Grassi ospita l’inaugurazione di ARTE DEI LUOGHI, un progetto del Teatro Koreja a cura di Marco Petroni. L’arte è uno dei linguaggi che più si lega a un luogo e prova a attivare un processo di vera e propria interpretazione generativa. Non si tratta di una mostra o di attraversare un percorso preordinato, l’arte dei luoghi si propone come un’esperienza di fruizione che fa vibrare gli abitanti e il territorio che vivono quotidianamente producendo un corto circuito benefico tra isolamento e apertura. Primo appuntamento con l’arte sarà la presentazione di TRAGUARDARE, il workshop di Bianco-Valente, un progetto internazionale che si svolgerà dal 13 al 17 luglio 2019 ad Aradeo (Le) presso Palazzo Grassi con l’obiettivo di approfondire tematiche rilevanti nel campo delle arti visive, facendo conoscere i protagonisti della cultura del contemporaneo.

A seguire tutti in Piazza San Nicola con Elisa Barucchieri per LE MEMORIE DEL 9. STORIE DI MURI E DI PONTI, uno spettacolo strabiliante che si snoda tra terra e aria, con piani ribaltati sui muri, uomini e donne che danzano sulle pareti di un palazzo, sfidando la gravità e il vuoto.

Sabato 13 luglio Palazzo Grassi ospiterà LA RAGIONE DEL TERRORE, il nuovo spettacolo di Teatro Koreja scritto da Michele Santeramo per la regia di Salvatore Tramacere che ha visto il recente debutto al Festival Primavera dei Teatri di Castrovillari. Uno spettacolo che, partendo dal male come pulsione intrinseca degli esseri umani, vuole scardinare l’apparente ineluttabilità delle sue conseguenze. Alle 22.00 ancora appuntamento con il Walkabout di Carlo Infante – Urban Experience dal titolo PAESAGGI UMANI. ESPLORAZIONI PARTECIPATE DI OMBRE E MEMORIE CARSICHE una conversazione radionomade partecipativa per esplorare luoghi e persone e rilevare quelle tracce di memoria che delineano i “Paesaggi Umani”.

Domenica 14 luglio alle ore 20.30 e ore 22.00 proseguono i Walkabout di Carlo Infante mentre Palazzo Grassi ospita il secondo atteso appuntamento con ARTE DEI LUOGHI. Alle ore 21.00 POLYPHONIC SPACES l’opening della mostra di Gabriele Mauro e Stefano Giuri a cura di Marco Petroni. Le opere di Gabriele Mauro e Stefano Giuri dialogano con il territorio e gli spazi che le ospitano e provano a tracciare una mappa evocativa e simbolica. Un compito politico che opera un superamento dell’impresa concettuale.

Lunedì 15 luglio alle ore 21.00 Palazzo Grassi ospita Madame Rebiné con LA RISCOSSA DEL CLOWN uno spettacolo di circo e teatro al servizio della leggerezza e del divertimento.

Martedì 16 sarà la volta di Agostino Cortese con RONZANO E SCIAMANO, concerto musicale in memoria di Antonio Infantino, una trance selvaggia ad un ritmo senza tempo.

Mercoledì 17 luglio sarà la volta de L’ABITO DELLA FESTA Quattro racconti cuciti a parole e sassofono, uno spettacolo di Koreja, PugliArmonica, MarianoLight dedicato alle feste patronali, alla musica e a chi ha ancora un’anima da vestire a festa.

A seguire, alle ore 22.00 Giulio De Leo e Roberta Ferrara presentano in PRIMA NAZIONALE il progetto LIBERO CORPO per TEATRO DEI LUOGHI FEST un’azione performativa site-specific che vede in scena a Palazzo Grassi due performances di danza contemporanea: si parte con NINFEO in cui una comunità in perpetua migrazione attraversa lo spazio senza mai appropriarsene; si prosegue con YOUNG HEARTS RUN FREE lavoro ispirato a Romeo e Giulietta di William Shakespeare.

Giovedì 18 Teatro Koreja e Daniele Coricciati presentano SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO – IL LIBRO. A due anni dallo straordinario omonimo evento del teatro Koreja, che ha coinvolto tutta la comunità di Aradeo, Daniele Coricciati firma le fotografie in bianco e nero di un’opera fotografica leggera come la memoria e profonda come le radici dell’ulivo. Ad accompagnare le immagini, i testi del regista salentino Edoardo Winspeare, della regista danese Anna Stizgard che ha diretto la performance del 2017, di Salvatore Tramacere, dello stesso Coricciati e, soprattutto, di cinque giovani autori sotto i diciannove anni che hanno fatto i conti con la loro fragilità paragonata a quella di un simbolo del Salento sempre più caduco ed in trasformazione. A seguire, LE NOZZE D’OLIO, letture tutte al femminile, a cura di Carla Guido e Ludovica Polito.

E ancora, appuntamento internazionale con Teatro Le Girandole (Francia) e Luciano Travaglino e il suo JOHAN PADAN A LA DESCOVERTA DE LE AMERICHE, l’epopea tragi-comica tratta dal testo di Dario Fo che racconta il confronto tra culture narrato con ironia e intelligenza.

Venerdì 19 Luglio atteso ritorno per Fabrizio Saccomanno con VIA epopea di una migrazione, il racconto della grande e dolorosa emigrazione degli italiani che andarono a lavorare nelle miniere di carbone in Belgio.

Dopo ogni spettacolo, durante tutto il festival, dal 12 al 19 luglio Palazzo Grassi ad Aradeo diventerà un regno da esplorare con FALENE A PALAZZO, un salotto all’aperto con Dj set e concerti gratuiti, per dare vita ad un luogo fatto di condivisione di suoni, parole e cibo, per inventare un modo comune di fruire della cultura.

L’ORTO DEL PALAZZO riunisce tre giovani realtà di Aradeo, che affondano il loro progetto nella terra; tre giovani realtà del territorio dal respiro internazionale, fra cultura alimentare, tradizione, innovazione e attenzione alla biodiversità: sul terrazzo di Palazzo Grassi, infatti, sarà possibile degustare i prodotti di TENUTA LUNA e il suo straordinario zafferano, de l’UOVO PERFETTO proveniente da galline allevate al “pascolo” con un processo di vita al 100% NATURALE e della Società Cooperativa Agricola KARADRÀ custode e produttrice di una particolare varietà di pomodori da serbo.

Per la prima volta, il Teatro dei Luoghi Fest, attraversa i propri confini fisici e diventa un format radiofonico in live streaming. RADIO DEI LUOGHI, ogni sera, dopo gli spettacoli, sarà in diretta su rkonair.com Le voci dei protagonisti del festival racconteranno il loro particolare sentire: l’emozione, la reazione del pubblico e poi interviste inedite, i suoni dal back stage, i concerti in diretta e pillole di critica creativa a cura di Dematà.

Quest’anno, l’allestimento degli spazi sarà curato dall’architetto Lorenzo Gemma che tratta gli ambienti come luoghi da ripopolare e arreda Palazzo Grassi con elementi ed installazioni narranti. All’interno, i pezzi della collezione privata di Kubico Architettura degli Interni, ridaranno senso alle stanze raccontando la passione per il proprio lavoro. Gli esterni, accoglieranno le luminarie dei Fratelli Parisi che introdurranno al momento di festa e racconteranno l’amore per gli allestimenti e la decorazione in un Salento ancora magico e capace di dedicarsi con affetto agli ospiti.

Teatro dei Luoghi prosegue Giovedì 1 e venerdì 2 Agosto presso i Cantieri Teatrali Koreja che ospitano LETTERE DI EROINE DEL MITO, tratto da Heroides di Ovidio e da improvvisazioni e scritture sceniche per l’elaborazione drammaturgica e la regia di Elena Bucci e Marco Sgrosso. Lo studio del nuovo lavoro del Teatro Koreja con Le Belle Bandiere, rivolge una luce speciale sul destino delle donne e lo fa con l’ironia dell’intelligenza e della creazione, la stessa che ha sorretto molte di loro lungo il cammino, la stessa che fa degli artisti creature senza sesso e identità, votati a interpretare i personaggi più diversi.

Dal 25 al 31 ottobre, il Teatro dei Luoghi Fest si sposta oltre frontiera per LA SETTIMANA DELLA CULTURA ITALIANA A TIRANA. In scena presso il Teatro Metropol, GUL. Uno sparo nel buio, uno spettacolo di e con Gemma Carbone prodotto dal Teatro Koreja. Il giallo della morte di Olof Palme, premier svedese, che riporta al confine sottile tra storia e Storia, realtà e teatro.

A rafforzare il progetto culturale di Koreja l’incontro LE PAROLE DEL GIALLO curato da Giancarlo De Cataldo: parole che attraversano il mare Adriatico e che a Tirana, in Albania, diventano ancora più forti ed evidenti; parole che invitano a guardare le cose da un altro punto di vista, da una storia diversa.

Dopo aver vinto il Premio Cultura + Impresa 2014, il Festival ha ricevuto l’EFFE LABEL 2015/2016, 2017/2018 e 2019/2020: un importante riconoscimento a livello europeo assegnato a festival con particolare impegno artistico, coinvolgimento delle loro comunità locali e prospettiva europea e globale.