TORRE SAN GIOVANNI (Lecce) – Intercettato da una pattuglia della polizia mentre sfrecciava zigzagando nella marina di Torre San Giovanni, ha ingaggiato con i poliziotti uno spericolato inseguimento a forte velocità, rischiando anche di travolgere una pattuglia dei carabinieri che gli avevano intimato l’alt mentre erano intenti a controllare un altro automobilista.

È la notte folle che ha visto protagonista il 22enne di Melissano Roberto Russo, arrestato in flagranza di reato con le accuse di tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale. Il giovane, già noto, è stato ristretto in carcere.

Tutto è accaduto nella serata di ieri, quando gli agenti hanno intercettato la BMW condotta dal giovane ed hanno cercato di bloccarla, azionando lampeggianti e sirene.

L’inseguimento che ne è nato è continuato pericolosamente per le vie di Torre San Giovanni, sfiorando la tragedia in via Scevola, dove il fuggitivo ha rischiato di investire una pattuglia dei carabinieri, impegnati in quel momento in un controllo stradale.

I militari, infatti, richiamati dalle sirene ed intuendo ciò che stesse accadendo, hanno tentato di intimare l’alt al fuggiasco, che per tutta risposta ha tentato di travolgerli insieme al conducente che stavano controllando: questi ultimi sono riusciti a scampare l’impatto solo grazie ad un balzo fulmineo. 

Riuscito a fare perdere le proprie tracce, Russo è stato però intercettato nel giro di poche ore mentre passeggiava per le strade della cittadina ed è stato così arrestato. A difenderlo gli avvocati Francesco Fasano e Alberto Ferro.