SALENTO – Un altro positivo nella giornata di oggi (22 maggio 2020), residente nella provincia di Lecce, si aggiunge ai due già rilevati in mattina: si tratta di personale sanitario (due oss e un infermiere quarantenni e cinquantenni) che si sono sottoposti al tampone di routine nell’ospedale “Perrino” di Brindisi. L’Asl brindisina, infatti, da qualche tempo, ha adottato la strategia dei tamponi a tappeto per tutto il personale proprio per prevenire la diffusione del COVID-19 che ha messo in seria difficoltà l’intera struttura (anche perché per ogni positivo scattano le quarantene). I tre sanitari, che secondo le indiscrezioni dell’Asl leccese si sarebbero infettati nel nosocomio brindisino, sono della provincia di Lecce e risiedono rispettivamente a Campi, Carpignano e San Pietro in Lama. I dati che ogni giorno trapelano dall’Asl leccese e dalla protezione civile evidenziano il fatto che nei luoghi di ricovero diventa più facile il contagio, quando non sono centri esclusivamente dedicati al covid (e quando ci sono problemi con i DPI), secondo il presidente dell’Ordine dei Medici leccese, Donato De Giorgi.

Nei giorni scorsi è risultata positiva una residente di Lizzanello che abita nella zona che confina con Cavallino: ci sono altre due persone in isolamento nella stessa comunità a causa di una parente positiva. Quindi allo stato attuale Lizzanello ha una sola paziente  positiva al covid: il primo caso, che fu segnalati dagli stessi cittadini al sindaco, abitava in un residence di Merine.