HomePrima PaginaLecce, da adesso tutto per non buttare un' altra stagione

Lecce, da adesso tutto per non buttare un’ altra stagione

di Mario La Mazza

Siamo a meno cinque, tante infatti sono le partite mancanti alla fine del torneo, ed è necessario esorcizzare questo pezzo di campionato che ci ricorda l’infausto concludersi della stagione scorsa. Pensare che la volta scorsa, quando mancavano sette partite alla fine, si era vinto per 2 a 0 con la Salernitana, poi promossa, e sulla quale si vantavano ben quattro punti di vantaggio! Ancora oggi, a distanza di un anno, non riesco a darmi una giustificazione di ciò che è accaduto; del resto solo l’Empoli, che vantava 59 punti, ha dimostrato anche in serie A di essere un’ottima squadra, cosa non riuscita a Salernitana e Venezia che, visti i risultati conseguiti finora, piomberanno in B.

Oggi è leggermente diverso rispetto allo scorso campionato, perchè è il Lecce ad avere 59 punti (speriamo beneauguranti!) ma, e questa è la vera difficoltà, ci sono ben otto squadre in nove punti, anche se non mi sembra che  Ascoli e Frosinone possano rientrare. Mi sorprende, però, che nessun giornale sportivo, nessun critico, nessun ex allenatore, metta il Benevento come possibile papabile. Amici che mi leggete, ho il dovere di ricordarvi che, ove il Benevento vincesse il recupero, avrebbe 57 punti come Brescia e Monza e la rotondissima e piena vittoria sul Pisa ne fa un avversario pericolosissimo perché, probabilmente, è quello che si è meno logorato ed ha energie sufficienti per sprintare e mi auguro che questo non accada.

Link Sponsorizzato

In queste cinque partite bisognerà dare il massimo e tutti dovranno sentirsi moralmente impegnati e, poichè sarà la tenuta atletica a dettare legge, deduco che sarà necessario mettere in campo sempre i migliori onde evitare che succeda come lo scorso campionato con 5 punti conquistati su 18 disponibili. A Terni il Lecce ha fatto quanto gli si chiedeva: in primis la vittoria e conseguentemente una partita che non mostrasse qualche difetto emerso nelle precedenti giornate.

Il Lecce è entrato in campo convinto, è stato molto accorto, ha colpito, direi quasi cinicamente, quando l’avversario non se lo aspettava, ha saputo all’occorrenza soffrire, ma ha anche confermato che il suo trio d’attacco vale la bellezza di 38 reti (Coda 20, Strefezza 13, Di Mariano 5). Al cronista che, giustamente evidenziava come la Ternana giocasse bene, quasi che il risultato non fosse giusto, rispondo rammentandogli che la Ternana, a fronte dei 41 gol segnati, nello score ne risultano ben 51 subiti che ne fanno una delle peggiori difese della categoria e, se tanto mi dà tanto, una delle più squilibrate, capace di grandi prestazioni ma anche di grandi debacle.

Link Sponsorizzato

Non do pagelle di merito, perché tutti hanno correttamente fatto la loro parte ma non posso esimermi dal segnalare per l’ennesima volta il lavoro di Hjiulmand, giocatore che dimostra di avere il culto del lavoro (al 93° già sul 4 a 1 va con veemenza a togliere una palla, in area di rigore leccese, che poteva essere pericolosa). Questo calciatore, se ben guidato, potrà diventare un fuoriclasse.

Ma il Lecce, pur con una eccellente prestazione, continua ad essere secondo perché la Cremonese non molla (anche la sua è stata una prestazione di rilievo, giocando e vincendo nella ripresa in inferiorità numerica). Domani certamente ci sarà qualcosa di più chiaro, visto che si incontreranno Pisa e Brescia e Monza Ascoli e qualcosa accadrà; niente di definitivo ma occhio al 3 a 0 del Benevento a Reggio Calabria e con una partita da recuperare che, ove la vincesse, lo porterebbe a 60 punti a ridosso del Lecce con il quale ha quasi lo stesso score di reti: Lecce 54 fatte e 28 subite e Benevento 55 fatte e 30 subite, un perfetto equilibrio.

E’naturale che tutto questo non basta perché basta un nonnulla per mandare a ramengo una stagione. La deduzione emersa dallo stato dell’arte ci dice che è assolutamente necessario tenersi atleticamente in forma, schierare sempre i migliori e mantenere una assoluta concentrazione durante la partita. Vedremo quando le rose fioriranno ma per adesso aspettiamo una Spal comunque pericolosa.

Link Sponsorizzato

Ultime Notizie

Coppia di amici annegata nelle acque della Baia dei Turchi: indagati...

0
OTRANTO (Lecce) - Svolta nell’inchiesta sulla morte di una coppia di amici annegata nelle acque della Baia dei Turchi, a sud di Otranto, il...

La domenica live