GALLIPOLI (Lecce) – Non avrebbe versato i soldi per il mantenimento della ex coniuge e dei figli costretti a vivere in condizioni economiche estremamente difficili. Un appuntato scelto della Guardia di Finanza residente a Gallipoli è stato condannato dal giudice monocratico Stefano Sernia a 11 mesi di reclusione (1 anno la richiesta della Procura) oltre al pagamento di una multa di 800 euro. Il dispositivo della sentenza annovera anche un risarcimento di 25mila euro (dei quali 10mila a titolo di provvisionale in favore della ex coniuge rappresentata dall’avvocato Antonio Palumbo).

Nonostante lo status di militare, l’imputato avrebbe omesso di versare le somme a titolo di mantenimento per i figli costringendoli ad una vita di sacrifici. Particolarmente struggente è stata la deposizione della parte civile la cui deposizione è stata più volte interrotta per i continui pianti. Il deposito delle motivazioni è atteso per i prossimi 45 giorni. Subito dopo, gli avvocati dell’imputato, i legati Luigi Pastore e Luigi Paolo Giungato, impugneranno la sentenza in Appello.

F.Oli.