LECCE – Tempi duri per i ladri in città. In due sono stati denunciati perché sorpresi con addosso grimaldelli ed attrezzi da scasso, che di lì a poco avrebbero utilizzato probabilmente per mettere a segno un furto in appartamento, mentre altri sono stati messi in fuga dalla polizia, mentre tentavano di rubare un’autovettura parcheggiata in strada.

Tutto è accaduto tra la tarda mattinata ed il pomeriggio di ieri, tra via Benedetto Croce e via Potenza. Nel primo caso, determinante si è rivelata la segnalazione fatta da un cittadino, circa la presenza sospetta di due individui all’interno di un condominio di quella strada.

Accorsi rapidamente sul posto, gli agenti delle Volanti hanno effettivamente sorpreso un individuo – poi identificato in un leccese di 48 anni, che indossava una felpa con cappuccio – fermo nelle vicinanze di uno stabile.

Ad insospettire ulteriormente i poliziotti, poi, ci ha pensato l’atteggiamento nervoso e preoccupato del fermato, che ha raccontato agli agenti di avere raggiunto quella zona a piedi. Ma è stato subito smentito, quando dalle sue tasche è spuntato un mazzo di chiavi con telecomando, che una volta azionato ha aperto gli sportelli di una vettura parcheggiata nelle vicinanze. E, avviata la perquisizione, nel veicolo sono così spuntati due cacciaviti con manico in gomma, una pinza a pappagallo regolabile, una forbice, una chiave inglese ed una torcia a led.

Il complice, un altro leccese di 42 anni, invece, è stato rintracciato nelle vicinanze, mentre si aggirava sempre con fare sospetto. E ne aveva ben donde: nel suo marsupio, infatti, custodiva tutto il kit dello scassinatore: scaldacollo, torcia, guanti per non lasciare impronte, grimaldelli di varie grandezze e misure, una chiave inglese ed un pezzo di plastica rigida, utilizzata solitamente per fare scattare le serrature non chiuse a chiave. I due leccesi sono stati pertanto denunciati per possesso di oggetti atti allo scasso. Alla luce dei loro precedenti per i reati contro il patrimonio, gli investigatori sospettano che erano pronti per rubare in qualche abitazione.

Sempre ieri, in via Potenza, è stato sventato un furto d’auto. Transitando in quella zona, gli agenti hanno notato alcune persone che armeggiavano nei pressi di una vettura, poi allontanatesi in fretta e furia quando la pattuglia si è avvicinata per un controllo. Come è stato accertato dai poliziotti, la vettura presentava la maniglia sinistra danneggiata, il cofano aperto e la centralina mancante.