Il prestigioso Times Higher Education (THE) ha reso noto il ranking mondiale relativo all’anno accademico 2019/20. In questa sedicesima edizione sono stati analizzati dati relativi a oltre 1800 istituti universitari ed enti di ricerca di ben 92 nazioni di tutti i continenti, raccolti più di 21000 questionari per quantificare la “reputazione accademica” e considerati i dati bibliometrici di quasi 13 milioni di pubblicazioni risalenti agli ultimi cinque anni.

L’Università del Salento si è collocata al 626° posto e conferma, quindi, la sua posizione medio-alta dalla classifica, nonostante quest’anno il numero complessivo di istituzioni censite sia cresciuto sensibilmente rispetto all’anno scorso (da 1258 a 1396), comportando un apparente scivolamento dalla parte bassa della fascia 501-600 alla parte alta 601-800. In particolare, a guidare il miglioramento più significativo per l’ateneo salentino, tra quelli registrati rispetto alla precedente edizione in termini di punteggio assoluto, è stata la ricerca (passando da 18,6 a 21,0, al 592° posto al mondo): ciò si è reso possibile grazie all’aumento del numero di pubblicazioni rapportato al personale docente, al significativo incremento delle entrate finanziarie legate a progetti e alla forte crescita della reputazione.

In merito alle citazioni, UniSalento si posiziona al 549° posto e ancora più in alto per quanto concerne la didattica, che rimane tra tutte le voci considerate dal THE quella con il miglior posizionamento (533°). Al di là di queste voci, che rappresentano il 90% del punteggio finale, di minor conto risultano le flessioni nei posizionamenti relativi (ma non nei punteggi assoluti che nel caso dell’internazionalizzazione addirittura crescono) riscontrate sulle altre due voci considerate (internazionalizzazione e entrate dell’industria), i cui pesi percentuali rappresentano, rispettivamente, il 7,5% e il 2,5%.

“Un buon posizionamento – commenta il Rettore dell’Università del Salento, Vincenzo Zara – considerato il più alto numero di Università censite quest’anno e la concorrenza delle numerose new entry asiatiche e americane. Da notare che non tutte le Università italiane si sono fatte censire, in classifica ne risultano solo 45 a fronte di circa 100, e che i punteggi assoluti di UniSalento nell’ambito della didattica e della ricerca risultano superiori a quelli di numerose altre Università italiane presenti in classifica.”