SANTA MARIA AL BAGNO (NARDÒ) – Le onde di ieri, alte quanto cade, hanno buttato giù anche i muri del lungomare di Santa Maria al Bagno. Oggi si contano i danni e si fanno progetti per farsi trovare pronti all’appello con la nuova stagione turistica. Dagli uffici della Presidenza della Provincia parte l’appello a una ricognizione puntuale: con lo stato di calamità potrebbero essere reperite risorse per recuperare i danni. Intanto il sindaco Pippi Mellone promette la rinascita del lungomare: “Siamo a lavoro da stanotte alle 2 a contare i danni. Gli operai della Sfl sono in strada per rimuovere i muri divelti e spazzati via e ripristinare viabilità e sicurezza tra Santa Caterina e Santa Maria. Una mareggiata di una violenza mai vista ha spazzato via ogni cosa, per fortuna senza conseguenze per le persone.

Proprio stamattina l’ingegnere Chirilli e il suo staff hanno consegnato il progetto esecutivo per 3 milioni di euro per il rifacimento del lungomare.
Entro 80 giorni l’inizio dei lavori. Dalle ceneri di questa burrasca il nostro lungomare rinascerà più bello che mai”.