ALLISTE (Lecce) – In un casolare nascondeva un fucile da caccia con matricola abrasa e svariate munizioni, ma anche una sessantina di grammi di droga, tra cocaina ed eroina. E per lui si sono così aperte le porte del carcere di Lecce.

Nei guai, nelle scorse ore, è finito Francesco Manco, 24enne di Alliste, arrestato in flagranza di reato dagli agenti del Commissariato di Taurisano, al termine di una perquisizione in un casolare da lui frequentato, che ha consentito ai poliziotti di rinvenire un’arma clandestina, cartucce e sostanza stupefacente.

Il blitz degli agenti, diretti dal vice questore Salvatore Federico, è scattato nella giornata di sabato, quando i poliziotti hanno voluto fugare i loro sospetti, secondo i quali il giovane (che ha alle spalle piccoli precedenti) deteneva un’arma clandestina.

Durante la perquisizione, infatti, oltre a circa 60 grammi di cocaina ed eroina, sotto il materasso in camera da letto, è spuntato anche un fucile da caccia con matricola abrasa calibro 12, nonché 94 cartucce dello stesso calibro. La droga era nascosta in una busta di giocattoli, insieme ad un bilancino di precisione. Sentito il parere del sostituto procuratore della Repubblica di Lecce Paola Guglielmi, pubblico ministero di turno, l’uomo è stato arrestato ed accompagnato presso la casa circondariale del capoluogo salentino, in attesa del giudizio per direttissima.

Sul fucile sono in corso accertamenti, per verificare se sia stato recentemente utilizzato in occasione di gravi episodi delittuosi. Manco è difeso dall’avvocato Serena Tempesta.