“La questione occupazionale, soprattutto nel Mezzogiorno, torni ad essere una priorità all’interno dell’agenda politica e di governo”. Lo chiede Ernesto Abaterusso, Consigliere regionale e capogruppo in Regione Puglia di Art.1 – Mdp Leu. “I dati ufficiali ci restituiscono una fotografia con molte ombre poche luci. Ciò richiede un doveroso intervento di coloro che hanno a cuore i diritti dei cittadini e dei lavoratori affinché si faccia promotore di azioni che possano salvaguardare non solo l’occupazione, ma anche la dignità del lavoro”.

“Un Governo – prosegue Abaterusso – che regala alle imprese, soprattutto a quelle del nord con sede legale all’estero, 60 miliardi e che mercifica il capitale umano attraverso l’introduzione dei voucher, lede la dignità dei lavoratori. Soprattutto dei più giovani”.

“Un Governo serio, che ha a cuore i temi del lavoro e della dignità, – continua Abaterusso – dovrebbe porsi il problema di come gestire questo fenomeno in via di espansione. Il vero dramma è che questo tema, quello del lavoro, è stato sottratto dalle responsabilità della politica che ha perso il suo primato con conseguenze che oggi sono sotto gli occhi di tutti”.

“È nostro compito – conclude Abaterusso – affrontare con serietà e lungimiranza queste problematiche che affliggono il Mezzogiorno. Un Mezzogiorno che merita di essere riscattato. Liberi e Uguali intende fornire una risposta esaustiva e concreta a questo problema mettendo in atto un grande piano straordinario per il lavoro che guardi con attenzione ai giovani, ai laureati, alle nostre più preziose risorse”.

CONDIVIDI