PUGLIA – “Il passo indietro sulla dichiarazione dello stato di calamità per le gelate dello scorso anno e la rinuncia del Ministro Centinaio a venire in Puglia per incontrare gli agricoltori sono un atto gravissimo che rischia di penalizzare in modo drammatico uno dei settori strategici della nostra economia”. È quanto dichiara il Presidente del Gruppo consiliare LeU/I progressisti in Regione Puglia, Ernesto Abaterusso.

“Peggio di così era difficile immaginare – prosegue Abaterusso – eppure il Governo del cambiamento non perde occasione per ignorare il grido di dolore degli agricoltori pugliesi che hanno il sacrosanto diritto di essere ascoltati da un Ministro che dovrebbe mettere tra le priorità le loro esigenze. Invece quello che si continua a fare è lanciare annunci spot che di fatto servono più a placare gli animi che non a individuare interventi necessari e urgenti”.

“Centinaio (e con lui il Governo), dunque, la smetta di sciacquarsi la bocca con parole che non producono nulla di concreto, metta da parte le scelte miopi che rischiano di penalizzare la Puglia e il Salento e indichi quali strumenti ha in mente per sostenere il comparto agricolo. È urgente! Batta un colpo se non vuole rispondere ai cittadini di tutte le promesse false che producono come unico risultato la mortificazione degli agricoltori e la condanna a morte di un intero territorio” conclude Abaterusso.