ZOLLINO (Lecce) – Lunedì 11 febbraio 2019 alle ore 19,30,  presso l’Oratorio Parrocchiale “Regina della famiglia”,   ‘Giorno del ricordo’ con due importanti testimoni: il dottor Franz Pitton Cavalieri  e la professoressa Maria Marinari Moro. Saluti del parroco don Francesco Greco, modera  Rossella Schirone presidente del Centro Ecumenico Oikos  “P. A.  Lundin” di Galatina.

“La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale ‘Giorno del ricordo’ al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.cosi si  esprime  la Legge 92 del 30 marzo 2004 istituendone la memoria.

Non dimenticare è un dovere e un imperativo per ognuno di noi. Non dimenticare i quasi ventimila nostri fratelli torturati, assassinati e gettati nelle foibe (le fenditure carsiche usate come discariche) dalle milizie della Jugoslavia di Tito alla fine della seconda guerra mondiale. La memoria delle vittime delle foibe e degli italiani costretti all’esodo dalle ex province italiane della Venezia Giulia, dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia è un tema che ancora divide, che spacca l’opinione pubblica. Ma di fronte la violenza e l’atrocità non ci possono essere prese di posizione di appartenenza. Quei morti, quelle persone, meritano di essere ricordate!

Tanti gli eventi di commemorazione in tutta Italia. Nel nostro Salento la presenza impegnata e attiva del Centro ecumenico Oikos ricorda questa tragedia, che non può e non deve essere dimenticata.

Insieme per conoscere, per ricordare, per dire no ad ogni pagina di violenza della storia.

 

 Manuela Marzo