LECCE – Fine della corsa per lo spacciatore di banconote false della Lidl. Nelle scorse ore, infatti, gli agenti di polizia sono riusciti a risalire ad un 35enne di San Pietro Vernotico, già sottoposto all’affidamento in prova ai servizi sociali, denunciato a piede libero con le accuse di spendita di monete false, truffa e rapina.

Le indagini dei poliziotti hanno così consentito di individuare l’autore di una serie di raggiri messi a segno nei pressi del supermercato Lidl di via Taranto, dove da tempo alcuni clienti erano stati truffati dal 35enne, che chiedeva alle vittime di cambiare una banconota da 20 euro con due da 10, rifilando loro soldi falsi.

Carnagione chiara, alto ed a bordo sempre dello stesso veicolo, l’uomo è ritenuto il responsabile anche della rapina ai danni di un avventore del supermercato, che il 14 gennaio scorso fu derubato del portafogli e trascinato per alcuni metri dall’auto del malvivente, dopo essersi aggrappato allo sportello per impedirgli di fuggire.

Grazie alla targa dell’auto utilizzata dal 35enne, i poliziotti hanno così rintracciato il proprietario del mezzo e, quindi, sono risaliti al brindisino, che aveva ottenuto in prestito l’auto dal legittimo proprietario dell’auto, suo parente.

Ad incastrare definitivamente il 35enne ci ha pensato poi il riconoscimento fotografico eseguito dalle sue vittime, che lo hanno riconosciuto senza ombra di dubbio. Per lui, pertanto, è scattata la denuncia.