LECCE – Il COrO prende in carico tutti i pazienti oncologici, compresi quelli in cura per patologie ematologiche. A chiarirlo una nota del Commissario Straordinario Rodolfo Rollo, in riferimento alle procedure riguardanti i pazienti non ricoverati con codice di esenzione 048 o comunque in trattamento per malattia neoplastica.

In particolare, il Commissario ha voluto precisare le procedure per la prenotazione di esami con grandi macchine per pazienti oncologici non ricoverati, rimarcando che all’interno della classificazione rientrano anche i pazienti con neoplasie ematologiche e che, proprio per questo motivo, essi devono beneficiare delle stesso percorso previsto in generale per i pazienti oncologici.

Dal punto di vista pratico, i pazienti in carico presso le Strutture Oncologiche e le Ematologie aziendali effettuano la prenotazione accedendo direttamente al COrO di riferimento, ossia Lecce, Casarano, Gallipoli, Scorrano e il “Panico” di Tricase, passando attraverso le agende riservate ai pazienti oncologici.

La puntualizzazione si è resa necessaria per non incorrere in eventuali discrepanze interpretative e assicurare il medesimo trattamento a tutti i pazienti oncologici che, grazie alla Rete Oncologica dell’Area Salento, godono di un percorso preferenziale nella presa in carico e cura della patologia ed evitano qualsiasi tipo di lista d’attesa per visite ed esami.

La direttiva del Commissario ASL è stata inviata a tutti i Centri di Orientamento Oncologico della ASL di Lecce, all’Unità Operativa di Ematologia del Vito Fazzi, ai direttori medici di presidio, ai direttori delle Unità Operative di Diagnostica per Immagini, ai direttori delle Oncologie e dei Distretti Socio Sanitari in modo da rendere omogenea l’applicazione delle procedure in tutte le strutture aziendali.