di Marcella Negro –  LECCE/CORIGLIANO D’OTRANTO – Con un programma ricco di appuntamenti che aprono un dialogo su temi attorno a cui ruotano il mondo dell’attualità, della politica, del giornalismo e della comunicazione si apre, tra Lecce e Corigliano d’Otranto, a partire da mercoledì 26 a domenica 30 giugno, la quinta edizione di “Io non l’ho interrotta” rassegna di giornalismo e comunicazione politica.

Attraverso incontri, dibattiti, presentazioni e proiezioni, la rassegna si propone di indagare l’attuale situazione del giornalismo e della comunicazione politica in Italia, con incursioni in Europa, negli Stati Uniti e nel resto del mondo. “L’idea di questa rassegna parte da lontano – ci spiega Pierpaolo Lala, curatore della manifestazione – Risale al mio lavoro di tesi in cui mi occupai della lingua della politica e che portò alla pubblicazione, nel 2004, del libro mi consenta un girotondo. Nel 2014 poi ci fu un ciclo d’incontri dal titolo Rigenerazione politica e da qui nacque l’idea di una vera e propria rassegna”.

La manifestazione parte mercoledì 26 giugno dalle 20 nell’atrio del Castello “Volante” di Corigliano d’Otranto con una breve introduzione del curatore Pierpaolo Lala e un incontro su “Ricordo, memoria e nostalgia” con Loredana Capone(assessora all’industria culturale e turistica della Regione Puglia), Dina Manti (sindaca di Corigliano d’Otranto), Paolo Paticchio (presidente del Treno della Memoria), Giorgio Frassineti (già sindaco di Predappio), Massimo Bernardini (TvTalk) eRiccardo Noury (Portavoce italiano Amnesty International). A seguire nella Sala Cavallerizza in scena lo spettacolo Gramsci. Antonio detto Nino con Fabrizio Saccomanno che racconta frammenti della vita di uno degli uomini più preziosi del Novecento. Vita assolutamente privata: sullo sfondo, e solo sullo sfondo, il tormentoso rapporto con il PCI e l’internazionale socialista, le incomprensioni con Togliatti e Stalin. E l’ombra di Benito Mussolini.

Con ben cinque giorni di seminari mattutini, presso le officine culturali Ergot a Lecce,  e incontri serali ospitati negli spazi del Castello “Volante” di Corigliano d’Otrantro, “Io non l’ho interrotta” cresce rispetto alle precedenti edizioni. Novità di quest’anno sono i due spettacoli teatrali (Gramsci. Antonio detto Nino con Fabrizio Saccomanno Digiunando davanti al mare – Per un racconto su Danilo Dolci con Giuseppe Semeraro), il documentario su Steve Bannon(The Brink – Sull’orlo del’abisso di Alison Klayman) e la mostra con i disegni della rivista Lamantice – Fiato ai disegni,ideata dal collettivo CALM e pubblicata da Edizioni Ergot, in collaborazione con il festival “Holm! Editoria e disegno!“.

“Le persone, che fin dalla prima edizione hanno lavorato con me all’ossatura della rassegna, continuano ad affiancarmi. Siamo un gruppo coeso, lavoriamo occupandoci di cose che ci piacciono. Di fondo, essendo giornalisti, ragioniamo su come il giornalismo continua a rapportarsi con il potere”.

Tra gli oltre quaranta ospiti il direttore di Rai2 Carlo Freccero, il direttore e il vicedirettore dell’Espresso Marco Damilano e Alessandro Gilioli, l’editorialista del Corriere della Sera e Presidente del gruppo Longanesi Ferruccio de Bortoli, il conduttore di Tv Talk Massimo Bernardini, il Direttore Transformation Office della Rai Piero Gaffuri, il sindacalista Aboubakar Soumahoro, il giornalista e semiologo Stefano Bartezzaghi, l’autore di satira Luca Bottura, il caporedattore del TgrPuglia Attilio Romita, l’esperto di innovazione Alessandro Garofalo, il portavoce italiano di Amnesty International Riccardo Noury, le giornaliste Marianna AprileAlessandra SardoniEva GiovanniniGiovanna Pancheri, Liliana Faccioli Pintozzi, l’ex sindaco di Predappio Giorgio Frassineti, il sindaco di Lecce Carlo Salvemini e molti altri.

Il titolo della rassegna Io non l’ho interrotta richiama direttamente uno dei tic verbali tipici dei talk: «mi lasci finire, io non l’ho interrotta». L’esperienza di questi anni – conclude Pierpaolo Lala –  ha dimostrato che c’è un pubblico variegato per età formazione, interessi e lavoro che vuole ancora vedere i dibattiti dal vivo”.

Info programma: https://iononlhointerrotta.com/