PORTO CESAREO (Lecce) – Quaranta scatti che raccontano il mare e i suoi fondali.

Creature straordinarie che lo popolano  ma anche l’azione antropica scellerata che rischia, con l’abbandono indiscriminato di rifiuti di ogni genere, di trasformare un patrimonio straordinario in discarica.

Continua la campagna di sensibilizzazione dell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo, “il bello del mare è mantenerlo pulito”, volta a contrastare e prevenire il fenomeno della “violenza” ad uno dei fondali più straordinari a livello nazionale e internazionale.

Domani 6 agosto 2019, alle ore 11, presso i locali della Pro Loco, nel cuore della marina, alla presenza della crew dell’Area Marina Protetta, del sindaco Salvatore Albano e dell’assessore Paola Cazzella, sarà inaugurata la mostra fotografica “Emozioni Sommerse”, con gli scatti del fotografo subacqueo Gianluca Romano, altro importante passo di un cammino da tempo  avviato da Amp.

“L’ AMP già da tempo si dedica con attenzione e con azioni concrete al tema dell’inquinamento marino specie da plastica, sia da un punto di vista scientifico (monitoriamo infatti secondo protocolli europei col Ministero dell’Ambiente, la quantità di plastica in mare), sia con azioni concrete con i pescatori e tutti gli altri attori del territorio – dichiara Paolo d’Ambrosio, direttore dell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo -. Facciamo ora una attività di sensibilizzazione con aiuto di addetti ai lavori, per inculcare buone prassi comportamentali, la mostra fotografica fa vedere le bellezze dei fondali ma anche la loro compromissione a causa di rifiuti, ci saranno foto di grande impatto e invitiamo anche i numerosi turisti presenti a visitarla”.

Nei prossimi giorni inoltre, la squadra di Amp, distribuirà tovagliette di carta con indicazioni sul tema e foglietti illustrativi da appendere agli ombrelloni, all’interno di alcuni stabilimenti balneari della costa.

“Fotografo le bellezze sottomarine da ormai più di 10 anni come appassionato e operatore dell’Area Marina Protetta riuscendo ad ogni immersione a stupirmi sempre di più di tutto quello che il mare ha offrire – spiega Gianluca Romano -. Purtroppo sempre più spesso, con rammarico, mi trovo a dover immortalare quello che stiamo offrendo noi al mare: immondizia e plastica. Con le mie foto denuncio la gravità del problema sperando di smuovere più coscienze possibili”-

La mostra sarà visitabile tutti i giorni per tutta l’estate.