PALMARIGGI (Lecce) – La lite tra due fratelli finisce nel sangue, quando uno dei due impugna un coltello e si scaglia contro il familiare, ora ricoverato in ospedale fortunatamente non in gravi condizioni.

È accaduto nella serata di ieri a Palmariggi, dove un uomo di mezza età è stato ferito da un fendente al torace, che gli ha perforato un polmone, al culmine di un’accesa discussione in casa.

L’accoltellatore – il 40enne Angelino De Pascalis – è stato subito fermato ed arrestato, con l’accusa di tentato omicidio aggravato, dai carabinieri del Nor della Compagnia di Maglie e dai colleghi della stazione di Bagnolo del Salento. Il ferito – il fratello S.D.P. – è stato invece soccorso da un’ambulanza del 118 e trasportato d’urgenza e con “codice rosso” alla volta dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce, per essere sottoposto a tutti gli accertamenti clinici del caso. Le sue condizioni, come detto, non sono per fortuna gravi: è ricoverato nel reparto di chirurgia toracina, guarirà in oltre 20 giorni.

La lite, stando a quanto ricostruito dagli investigatori dell’Arma, sarebbe scaturita da futili motivi e l’accoltellamento si sarebbe verificato davanti agli occhi della madre dei due protagonisti. A far nascere la discussione tra i due e poi a scatenare la violenza sarebbe stato il cane di famiglia, scappato da casa e poi ritrovato.

Il coltello da cucina è stato recuperato e sottoposto a sequestro, mentre l’arrestato è stato accompagnato presso il carcere di Lecce.