PORTO CESAREO (Lecce) – Un nuovo incendio devasta il Salento. Dopo il maxi rogo dei giorni scorsi alle Orte, sul litorale adriatico, un rogo di vaste proporzioni è divampato nel primo pomeriggio di ieri in località “Serra degli Angeli”, nella zona di Porto Cesareo.

Le fiamme, alimentate dal forte vento, hanno carbonizzato completamente oltre 20 ettari di macchia mediterranea, impegnando i vigili del fuoco, il personale dell’Arif ed i volontari della Protezione civile per diverse ore, prima di riuscire ad avere la meglio sulle lingue di fuoco.

Per spegnere l’incendio è stato necessario anche l’intervento aereo di un canadair, che ha effettuato vari lanci dall’alto per arginare l’avanzata delle fiamme. Le operazioni di bonifica sono andate avanti per tutta la notte.

Così come per il rogo divampato alle Orte, a Otranto, anche in questa circostanza vi è il forte sospetto che l’incendio sia stato causato dalla mano dell’uomo.

Un altro rogo, fortunatamente di piccole dimensioni, è divampato nella tarda serata di ieri a Torre dell’Orso, una delle marine di Melendugno, nei pressi di un camping. Allertati dagli stessi villeggianti, i vigili del fuoco sono riusciti subito a domarlo, evitando ulteriori conseguenze e pericoli. L’area interessata dalle fiamme è limitata ad appena 20 metri quadri.