F.Oli.

LECCE – Ha patteggiato 3 anni di reclusione Ernesto Martinucci, agente di commercio di 47 anni di Lecce, arrestato il 10 aprile con 13 chili di droga in parte custoditi in macchina, in parte in casa. La sentenza è stata emessa dal gup Sergio Tosi che ha ritenuto congrua la pena concordata dagli avvocati Francesca Conte e Raffaele Benfatto. Ad ammanettare l’insospettabile corriere sono stati i militari del Gico della Guardia di Finanza che hanno seguito e pedinato l’uomo fin sotto casa dove è arrivato a bordo di una Mercedes.

L’immediata ispezione nell’abitacolo dell’auto ha permesso ai baschi verdi di ritrovare circa 3 chili di marijuana. A quel punto i finanzieri hanno deciso di estendere i controlli in casa dove stati trovati 4 chili e 784 grammi di marijuana; 3 chili e 238 grammi di hashish e 2 chili e 750 grammi di eroina. Un quantitativo ingente che, se fosse stato immesso sul mercato, avrebbe fruttato circa 250mila euro.

Nel corso della successiva udienza di convalida, Martinucci ha rilasciato alcune spontanee dichiarazioni sostenendo di aver compiuto una simile azione perché in quel periodo versava in una situazione di difficoltà economica dettate principalmente dalla perdita del lavoro e dalla necessità di dover comunque mantenere i figli. Da fine maggio Martinucci si trova confinato ai domiciliari.