GALATONE (Lecce) – Misteriosa intimidazione all’alba di oggi a Galatone, dove ignoti hanno piazzato una bottiglia incendiaria accesa davanti l’abitazione del professore Sebastiano Zenobini, docente di italiano e latino presso il liceo Vallone di Maglie, già candidato sindaco della cittadina galatea nella tornata elettorale di due anni fa.

Il raid è stato portato a termine attorno alle 6 e fortunatamente non ha arrecato danni ingenti né all’abitazione del docente (il fuoco ha annerito soltanto i gradini ed il portone d’ingresso) né alle vetture parcheggiate in strada. La bottiglia molotov lasciata accesa davanti alla casa del professore Zenobini, infatti, si è spenta da sola.

A dare l’allarme è stato lo stesso docente, di 56 anni, che ha subito informato dei fatti i carabinieri. I militari della stazione locale e gli investigatori della Compagnia di Gallipoli sono al lavoro per risalire ai responsabili del gesto intimidatorio, ma non potranno contare su alcun filmato, poiché la zona è priva di telecamere di sicurezza.