Il Tar di Lecce, con sentenza n. 1600 del 16 ottobre 2019 ha annullato la determinazione di valutazione negativa di impatto ambientale (VIA) con cui la Provincia di Lecce, aderendo al parere negativo espresso dal Comune di Galatina, aveva concluso l’iter autorizzativo di un impianto per il trattamento di rifiuti organici per la produzione di compost di qualità. 

L’iniziativa progettuale in questione è stata avviata nel 2012 dalla Salento Riciclo srl per la realizzazione di un impianto di trattamento rifiuti organici nella zona destinata ad attività produttive di Galatina. 

L’iter è stato più volte rallentato da provvedimenti che il Tar ha giudicato illegittimi ed a distanza di sette anni dall’avvio del procedimento la società (difesa dagli avvocati Andrea Sticchi DAMIANI è Sergio De Giorgi) è stata costretta ancora una volta a rivolgersi al Giudice amministrativo contro l’illegittimo diniego di VIA ottenendo così l’annullamento dei provvedimenti negativi della provincia di Lecce e del comune di Galatina con condanna delle stesse amministrazioni al pagamento delle spese legali. 

Con l’accoglimento del ricorso la società Salento riciclo confida che possa finalmente concludersi l’iter autorizzativo di un impianto strategico e determinante per la grave crisi del sistema di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Lecce ed in particolare della frazione organica, anche per la cronica carenza di impianti destinati a tale scopo.