TRICASE – Entrare nel mondo dell’economia attraverso il cinema: oltre 80 alunni, frequentanti il terzo anno del Liceo Classico – Scientifico “G. Stampacchia di Tricase, con il Preside Dott. Mauro Polimeno ed il corpo docenti, hanno tutti partecipato al progetto “Alfabetizzazione finanziaria dei giovani tra scuola e cinema”.

Le banche, la moneta, i titoli sono componenti fondamentali dell’economia di mercato, ma sono anche l’espressione di una tecnocrazia che esercita un potere enorme, sfruttando la sua posizione privilegiata, che si dotata di un linguaggio esotericoconsumando riti avvolti in una cortina impenetrabile all’uomo comune.

Questo progetto ha avuto come obiettivo quello di abbattere questa cortina, questo muro, di decriptare questo linguaggio esoterico, utilizzando la magia del cinema, traducendolo in un’esperienza sensoriale di immediato recepimento.

Si sono portate all’attenzione dei giovani esperienze, conoscenze e competenze di educazione finanziaria, attraverso il cinema per poi generare emozioni, idee che a loro volta hanno prodotto un modo di fare cinema alternativo.

Al progetto ha collaborato anche Adusbef (Associazione a difesa Utenti Servizi Bancari e Finanziari), rappresentata dal Presidente Nazionale Avv. Antonio Tanza, componente dell’ente governativo sull’educazione finanziaria (EDUFIN), con la regia dell’Avv. Fiammetta Fiammeri da Roma, da sempre impegnata nella cultura cinematografica.

Tramite la visione di film selezionati dalla Scuola e dall’Adusbef (tra cui il “Gioellino”, traduzione cinematografica della dolorosa vicenda del caso Parmalat;La grande scommessa che analizza il caso subprime dove diversi mutui per la casa sono in pericolo di insolvenza; “Alla ricerca della felicità”; Wall Street”, ecc.) e il successivo dibattito, promosso dagli esperti e professionisti dell’associazione dei consumatori, i ragazzi hanno avuto modo di conoscere le basi dell’educazione finanziaria, divertendosi.

La conoscenza di detta materia, in un mondo attraversato dalla crisi economica, in cui i mercati finanziari sono diventati più complessi e sofisticati, è oggi indispensabile nella formazione dei giovani, per consentire loro di acquisire conoscenze e competenze necessarie per effettuare le scelte più opportune e consapevoli, instaurando un corretto rapporto con il denaro ed il suo valore.

E’ storia di tutti i giorni quella di risparmiatori che hanno visto dissipato il proprio patrimonio per acquisti inconsapevoli proposti da promoter finanziari privi di scrupoli e professionalità.

La conoscenza della complessità degli strumenti finanziari che vengono proposti, spesso in conflitto di interessi, può salvare patrimoni e risparmi.

Nel mondo farmaceutico produttore, distributore e medico di famiglia non coincidono: sono persone differenti che esercitano interessi individuali; mentre spessissimo nel mondo finanziario la persona che propone il prodotto è anche quella che lo ha creato o che lo distribuisce, venendo così a creare un’insanabile conflitto di interessi.

A conclusione del progetto i giovani partecipanti, riuniti in piccoli gruppi di lavoro, con l’ausilio dei professionisti ADUSBEF e dei docenti, hanno ideato una sceneggiatura ed hanno, anche con il supporto di esperti nel montaggio provenienti da Roma, dei cortometraggi inerenti il mondo finanziario.

I video realizzati saranno presentati dai ragazzi e dall’ADUSBEF alla cittadinanza tutta ed alle famiglie nel corso dell’evento conclusivo del progetto, che si terrà Sabato 16 novembre 2019, ore 18.00, presso la “Sala del Trono” del“Castello di Tricase”, ingresso libero.