TAVIANO (Lecce) – Giunge alla terza edizione il presepe vivente a Taviano, organizzato dall’ Amministrazione Comunale in collaborazione con le associazioni locali e liberi cittadini volontari. Evento centrale del programma natalizio “Natale a Taviano”, sarà allestito nel centro storico della città e  quest’anno prevede, come novità, l’ addentrarsi in un dedalo di viuzze mai battute del centro antico, con un itinerario che si snoda subito a ridosso di Piazza San Martino, e si inoltra lungo via Matteotti, vico Piazza, via Tunisi, Piazza del Popolo, via Nizza, via del Crocifisso dove, all’interno della suggestiva e secentesca Chiesa di Santa Lucia trova il suo culmine nella Natività, ed il tutto attraverso mercati e botteghe che vedono impegnati più di 150 figuranti.

Tante anche le associazioni coinvolte, come Fecunditatem, Azione Cattolica Parrocchia San Martino, Fidas – donatori volontari di sangue, Oratorio San Domenico Savio, A.M.A., Compagnia teatrale Talianxa, Salento Danze, Salento Ballet, Musica e…, Centro Culturale San Martino, Centro Anziani – cooperativa Horizon, Spirito Randagio, e il Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze.

Il presepe vivente, che si svolgerà nei giorni del 25 e 26 Dicembre 2019, e del 5 e 6 Gennaio 2020, oltre ad una rivitalizzazione del borgo antico si prefigge lo scopo di narrazione e riscoperta di antichi mestieri, nonché la valorizzazione di tradizioni locali e culinarie, facendo così rivivere la Taviano di un tempo.

“Indubbiamente un lavoro immane – dichiara la Consigliera con delega all’ associazionismo e volontariato Viviana Calzolaroche tuttavia ci gratifica per il coinvolgimento di tante associazioni, per l’ entusiasmo di tanti nostri concittadini che con il loro contributo ci consentono di ripristinare, per il terzo anno consecutivo, la tradizione del presepe vivente a Taviano come ormai non accadeva più da tempo, e che negli anni scorsi ha visto tanti visitatori anche dei paesi vicini, così da essere annoverato ormai tra  gli eventi natalizi più significativi dell’ intero Salento”.

Soddisfatto anche il sindaco Giuseppe Tanisi secondo cui “Il presepe mette in scena situazioni, mestieri, relazioni, tipologie di personaggi di un luogo; credo che in questi anni siamo riusciti a rappresentare la nostra comunità cittadina col coinvolgimento di tanti nostri concittadini che, partecipando, si sentono comunità e famiglia, e pertanto uniti da un sentimento di identità di popolo; oltre a costituire luogo di incontro,  proprio nei giorni delle festività natalizie, lungo le strade di una Betlemme tutta tavianese che cerchiamo di ricostruire anche idealmente come tessuto connettivo profondo di amicizia tra tavianesi”.