A Roma con una sola punta, Lapadula, il resto sarà un lavoro di squadra. Dopotutto il Lecce ha dimostrato di lavorare a una filiera dei gol; ed è per questo che non segnano solo gli attaccanti.
Dati alla mano la squadra di Liverani di marcatori fino a oggi ne vanta 12 (solo il Lecce di De Canio, Di Francesco e Cosmi hanno fatto meglio di lui, con un totale di 15 marcatori), ma il campionato non è ancora finito e il bilancio potrebbe variare.
Amomento il Lecce vanta una classifica di realizzatori che nel dettaglio vede: Mancosu a quota 8 reti; Lapadula a 7; Falco e Calderoni a pari merito con 3; La Mantia (ceduto durante il mercato di riparazione) Babacar e Farias 2; infine, tutti con 1 gol, Lucioni; Tabanelli; Deiola; Barak; Majer. Sono 32 le reti realizzate in tutto, le stesse che ha realizzato il Parma che si trova all’ottavo posto in classifica (tanto per portare un altro esempio, il Milan che si trova a pari punti con il Parma, ne ha segnate 26, dunque 6 in meno del Lecce).
Quella di Liverani è una squadra che propone un calcio propositivo e molto spigliatoche cerca sempre di portare più uomini in area avversaria. È la filosofia di Liverani che pensa al suo Lecce anti-Roma dispiaciuto per le assenze, ma preoccupato solo quanto basta; del resto lo aveva già detto dopo il gol di Majer contro la Spal “La Lazio di Eriksson non aveva attaccanti, giocava con 5 centrocampisti. Segnavano tutti”.
per la gara all’olimpico, però, l’allenatore non potrà contare neanche su Saponara, che hrecuperato, ma rientrerà nel gruppo martedì
“Oramai sta diventando una costante la difficoltà a livello numerico nel reparto avanzato – dice – In attacco disponiamo del solo Lapadula, ma abbiamo vari giocatori con caratteristiche offensive. Dispiace per i ragazzi infortunati, e per tutti noi che dobbiamo fare a meno di loro”.
 
Falco, Farias, Babacar e Saponara non sono convocati
“Dietro a Lapadula possono giocare Mancosu, Shakhov o Barak – dice il mister – Dipende da come vorrò disegnare il centrocampo”.
 
La Roma viene da tre sconfitte consecutive in campionato, un sospiro di sollievo lo ha tirato giovedì vincendo per 1-0 contro il Gent in Europa League. Ma non sarà stanca, semmai avrà ancor più voglia di ricominciare a vincere in campionato
“Contro la Roma sarà una gara sicuramente difficile e impegnativa – spiega Liverani – Andremo lì con le nostre certezze e umiltà per fare una partita di sostanza. Dovremo ripetere la prestazione di Napoli, difendendo quando ci sarà da farlo, e cercando di fare gioco quando possibilePensare che la Roma sia stanca per l’impegno europeo sarebbe un grave errore. Sono giocatori di grande qualità e sono abituati a disputare tre impegni in sette giorni”
In porta, contro la Roma, ancora Vigorito
“Gabriel ha fatto una settimana piena con Sassanelli. Credo che domenica giocherà Vigorito”
L’estremo difensore, subentrato a Verona dopo l’infortunio di Gabriel, ha fatto bene fino a oggi; con lui in porta il Lecce ha sempre vinto (Torino, Napoli e Spal). Un portafortuna per gli scaramantici; una scelta di fiducia per Liverani.