LECCE  – L’Associazione Italiana Operatori Pubblicità e Comunicazione (ANOPEC) ha dato vita a una protesta originale contro le tasse: ha riempito di manifesti satirici, come quello che vedete in copertina, la città: “Nei giorni scorsi diversi poster sono stati affissi nella città di Lecce per sensibilizzare l’opinione pubblica, i media e la pubblica amministrazione, sulle difficoltà di un comparto che in questi ultimi dieci anni oltre ad aver sofferto per la crisi che investe il nostro paese, ha dovuto fare i conti con amministrazioni, come quelle guidate dal Sindaco Perrone, che grazie al suo assessore Monosi hanno istituito nuove tasse e nuovi balzelli che hanno finito di sfiancare le Agenzie di Pubblicità, ed in particolar modo le Concessionarie di spazi pubblicitari, con il bel risultato che buona parte di queste Aziende hanno chiuso i battenti, altre si sono dovute ridimensionare, altre riconvertire, con gravi danni per le imprese e con la perdita di tanti posti di lavoro – spiega un comunicato-

Sui poster affissi dalla nostra Associazione,  campeggia una vignetta dove un Dracula assetato di sangue (ufficio tributi) viene bloccato da un perentorio interrogativo del Sindaco Salvemini.
Per cui così come auspicato nella vignetta, si spera accada nella realtà che questa Amministrazione si dimostri capace di interloquire con le aziende del territorio e venga incontro alle esigenze di queste ultime”.