Ad Aradeo è un giovedì 5 marzo apparente normale, anche se sono finiti in quarantena quasi in cento. Il paese ha raggiunto una scomoda notorietà dopo che si è diffusa la notizia di un concittadino positivo al nuovo coronavirus. Proprio a metà mattinata arriva la notizia del nuovo contagio a Copertino. In piazza il circolo frequentato dalla persona contagiata ha chiuso, ma la vita continua, con un caratteristico fatalismo di stampo meridionale. Le scuole sono chiuse fino al 15 marzo e i ragazzi festanti invadono le vie in bici. Alcuni anziani sono in piazza come sempre, altri si sono chiusi in casa. Ecco come si presenta Aradeo, in una bella giornata di sole (cliccate sull’immagine per vedere le interviste e i video), al tempo del Covid-19. Anche le neo-mamme sono in giro, con i loro pargoli nella culla. C’è ansia, ma si continua ad andare dal fruttivendolo e in farmacia, uno alla volta, senza entrare tutti insieme. Le scuole chiudono e le strade si riempiono di ragazzi in libera uscita. Intanto le persone in quarantena superano di gran lunga le 50 unità dichiarate ieri dall’Asl di Lecce e i numeri crescono ogni giorno. Le linee telefoniche di emergenza faticano a rispondere a tutti. C’è voglia di normalità ad Aradeo, sotto un bel sole che fa pensare all’attesa e liberatoria bella stagione, sempre più vicina.

Il reportage ad Aradeo, come si vive al tempo del coronavirus

Il reportage per le vie di Aradeo: tanti in quarantena, ragazzi in bici e anziani senza paura

Gepostet von Corriere Salentino am Donnerstag, 5. März 2020