HomeAttualitàParte “Armonycolor”, il nuovo metodo firmato “Riccia’s”, ideato da Emanuele Caputo

Parte “Armonycolor”, il nuovo metodo firmato “Riccia’s”, ideato da Emanuele Caputo

di Julia Pastore

LECCE – Armonie di colori da “Riccia’s Professional”! I capelli, si sa, sono la cornice del volto e come valorizzarli al meglio e senza errori è spesso un grande enigma per le donne che amano prendersi cura della propria immagine. Da Emanuele Caputo trovare la giusta armonia tra il binomio colore dei capelli e degli occhi e l’incarnato del volto… sarà un gioco da ragazzi!

Ci eravamo lasciati, nel periodo pre-covid-19, con Caputo, fondatore di “Riccia’s professional”, alle prese con le ultime chicche della sua linea base.
Qui di seguito l’intervista al parrucchiere più famoso per il trattamento dei capelli ricci a Lecce, con i suoi imperdibili nuovi prodotti!

Link Sponsorizzato

Quali sono le novità dopo questo periodo d’emergenza sanitaria, in cui la ripartenza è un po’ a rallentatore per la maggioranza delle categorie?
<<Durante il periodo di fermo degli scorsi mesi ho ottimizzato l’esistente, collocando sul mercato due prodotti che possiamo definire “satellite”, perché a supporto della piega “Riccia’s”: il primo è “Filling” (a base di cheratina e arginina) e il secondo è “Alway’s Clean”, un igienizzante per capelli, con sostanze vegetali al 100%.

Dopo il sistema base “Riccia’s” e “Onics”, ora la grande novità è “Armonycolor”, una metodo che ben si lega con lo stesso progetto “Riccia’s”, anzi è fondamentale per la sua espansione, poiché il colore è uno dei quattro pilastri di un salone di acconciatura. E poiché “Riccia’s” è un brand di nicchia dedicato ai capelli ricci, “Armonycolor” apre le porte alle donne che desiderano indossare un colore armonico, enfatizzando l’incarnato del volto e il colore degli occhi, quest’ultimo elemento importantissimo nella primordiale fase della consulenza. Questa linea è basata su un principio scientifico collaudato: ciò che la rende differente da tutti i sistemi di colorazione. Infatti, se ci chiediamo qual è la differenza tra una cartella colori e un’altra, ci rendiamo conto che essa risiede nelle ciocche preconfezionate che un’azienda utilizza, con una prevalenza della grammatura di dorato piuttosto che di ramato, a seconda del singolo marchio.
Al contrario, “Armonycolor” utilizza una numerazione graduata – sequenziale, dalla quale è impossibile “sfuggire”, perché, grazie al sistema scientifico che ne è alla base, ci permette di realizzare il colore esattamente come lo vede la cliente, potendo anche variare in corso d’opera la riflessatura, il tono e la luminosità. Infatti accade spesso che il singolo parrucchiere si lascia prendere dalla propria creatività, allontanandosi dalla richiesta originaria della cliente, mentre il nostro metodo, preceduto dalla ineliminabile consulenza “ad hoc”, abbatte tutti i dubbi, perché tiene conto proprio dell’incarnato e degli occhi>>.

Link Sponsorizzato

Prima hai parlato di: “indossare un colore armonico”: che cosa intendi?
<<Chi utilizza il sistema “Armonycolor” è come un sarto, non a caso il sistema stesso e l’unità di misura per rendere personalizzato il colore, come un capo sartoriale, su misura>>.

Spiegaci meglio!
<<Come per il sarto il metro è l’unità di misura per imbastire un abito, così è “Armonycolor” per il parrucchiere, che consiglia la sua cliente a realizzare un colore che percepirà come bello, esaltandone anche lo stile>>.

Quindi ci stai dicendo che stai preparando le tue clienti a un cambiamento nel settore del colore, passando dalla creatività estrema del parrucchiere – artigiano a qualcosa di standard e misurabile, quindi più semplice?
<<Semplice sì, facile no. Posso solo affermare che la creatività finalmente trova una misurazione per esaltarla>>.

Sembra un paradosso, ma è solo un punto di partenza, per un creativo come te.
<<Se ci pensi, le più grandi opere che ammiriamo della storia hanno in comune la creatività, la misurazione e la fattibilità. “Armonycolor” rende il parrucchiere “un creativo moderato”, capace di rendere unico il risultato, mettendo, certo, la sua firma, ma permettendo anche di ripeterlo, di cambiarlo, combinandolo bene con gli altri tre pilastri: luminosità, saturazione e tonalità>>.

Insomma, Emanuele Caputo non smette mai di stupire. E non è tutto: “Armonycolor”, con oltre 400 formule, sarà presto protagonista di un libro scritto proprio dal parrucchiere durante il periodo di quarantena, che uscirà a luglio. Un libro, dal titolo ancora ignoto, per destare maggiormente la curiosità delle clienti! Noi attendiamo impazienti!!!

Link Sponsorizzato

Ultime Notizie